Cosa vedere in sala tra Natale ed Epifania? I film dal 1° gennaio 2019

Ecco una selezione di proposte adatte a bambini, famiglie ma anche appassionati di film di genere: l’animazione Disney “Ralph Spacca Internet”, la commedia fiabesca “La Befana vien di notte”, il biopic d’autore “Van Gogh. Alla soglia dell'eternità”, il ritratto della politica USA “Vice”, il fantasy DC Comics “Aquaman” e l’horror psicologico “Suspiria”

mercoledì 2 gennaio 2019
Un articolo di: Massimo Giraldi, Sergio Perugini

Dopo l’abbuffata di film natalizi, ecco il secondo blocco di uscite in sala tra i primi giorni dell’anno nuovo e l’Epifania. Puntualmente la rubrica del Sir e della Commissione nazionale valutazione film Cei offrono una selezione di proposte adatte a bambini, famiglie ma anche appassionati di film di genere: l’animazione Disney “Ralph Spacca Internet”, la commedia fiabesca “La Befana vien di notte”, il biopic d’autore “Van Gogh. Alla soglia dell’eternità”, il ritratto della politica USA “Vice”, il fantasy DC Comics “Aquaman” e l’horror psicologico “Suspiria”.

“Ralph Spacca Internet”
Dopo il successo di “Ralph Spaccatutto”, cartoon Disney del 2012, arriva dal 1° gennaio l’atteso sequel “Ralph Spacca Internet” diretto da Rich Moore con Phil Johnston. Siamo nel mondo dei videogiochi e il personaggio di Ralph si scontra con il cambiamento nelle modalità videoludiche a seguito dell’ingresso di Internet, delle piattaforme online. Adattarsi è difficile; un cambiamento però reso qui con allegria e umorismo delicato, mai privo di riflessione. Un cartoon colorato, brioso e dalla trama avvincente, che accontenterà piccoli e grandi. La curiosità: godibili le sequenze con i volti più noti dei cartoni Disney, le mitiche principesse. Dal punto di vista pastorale, consigliabile e brillante.

“La Befana vien di notte”
Paola Cortellesi si conferma una delle attrici più versatili e convincenti del nostro cinema, capace di alternare ruoli drammatici e comici. Con “La Befana vien di notte” diretto da Michele Soavi l’attrice si cimenta con il personaggio della Befana, in una commedia scoppiettante a misura di bambino. Nel cast anche Stefano Fresi, che interpreta un bambino cresciuto e arrabbiato con la Befana, al punto da volerla rapire. Saranno i più piccoli a metter in atto un’operazione di salvataggio. Film caratterizzato da un uso accurato di effetti speciale e per il taglio da commedia fiabesca a sfondo educational.

“Van Gogh. Alla soglia dell’eternità”
In concorso alla 75a Mostra del Cinema di Venezia – dove ha ottenuto la Coppa Volpi per Willem Dafoe –, “Van Gogh. Alla soglia dell’eternità” di Julian Schnabel è un omaggio all’artista olandese Vincent van Gogh. È il racconto degli ultimi anni di vita del pittore, tra momenti creativi, riflessioni sul senso dell’arte nonché profonde crisi esistenziali. Una fusione tra pagine storiche, ipotetiche e di finzione. Schnabel riesce a conquistare per il modo in cui costruisce le inquadrature, pensate come dipinti, che si caricano progressivamente delle tonalità cromatiche di van Gogh. Una regia spesso giocata in soggettiva, riuscita ma con qualche momento didascalico. Film complesso, problematico e utile da approfondire sul rapporto cinema-pittura.

“Vice. L’uomo nell’ombra”
È uno dei film più discussi e attesi dell’anno. Parliamo di “Vice. L’uomo nell’ombra” firmato da Adam McKay, con Christian Bale e Amy Adams, l’esplosivo biopic sul politico Dick Cheney, potente vicepresidente degli USA durante la presidenza di George W. Bush. Il film analizza l’ascesa di un uomo senza scrupoli, sorretto da una moglie determinata e arrivista. Film dall’ironia graffiante, che racconta la politica americana da un’angolatura provocatoria e irriverente. Bale e Adams in cerca di Oscar. Dal punto di vista pastorale, l’opera è complessa e problematica, adatta per dibattiti.

“Suspiria”
In Concorso alla Mostra di Venezia 2018, “Suspiria” di Luca Guadagnino è la rilettura del classico dell’horror firmato da Dario Argento nel 1977. La storia: in una nota accademia di danza in Germania diretta da Madame Blanc, arriva la ballerina Susie; l’atmosfera si fa subito densa di tensioni, sospetti e misteri. Nel cast l’attrice premio Oscar Tilda Swinton e la giovane star Dakota Johnson, entrambe muse del regista. Guadagnino resta aderente al taglio originario di Argento, ma non riesce del tutto a far decollare il racconto per le troppe suggestioni narrative e visive. Dal punto di vista pastorale, film complesso e problematico. Per gli amanti dei film horror.

“Aquaman”
Escono al cinema anche le avventure del personaggio dei fumenti Aquamen, già visto in “Justice League” (2017) e “Batman v Superman” (2016). Si tratta appunto “Aquaman” di James Wan, fantasy della DC Comics, con protagonista Jason Moma (“Trono di Spade”). Grande spettacolo di effetti speciali, ma la storia risulta abbastanza debole e un po’ sovraccarica. Film per appassionati dei fumetti sul grande schermo.

Articolo originale pubblicato su Agenzia SIR

Forse ti interessa anche:

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film