Dentro la Tv: Sguardi di senso per il Natale. Le offerte delle piattaforme in streaming e la proposta della Cnvf

venerdì 4 Dicembre 2020
Un articolo di: Sergio Perugini

La favola “laica” del Natale. Entrati nell’Avvento sulle principali piattaforme in streaming fioccano proposte dedicate a uno dei momenti più attesi dell’anno, il Natale. Tra film e serie Tv, nuovi di zecca oppure già rodati, divenuti un appuntamento fisso durante le feste, la proposta è quanto mai vasta. E il più delle volte ci si trova di fronte ad atmosfere marcate da tenerezza o desiderio di conforto, quando non letteralmente sommersi da suggestioni zuccherose. Se tra le novità di Netflix troviamo “Qualcuno salvi il Natale 2” diretto da Chris Columbus con la coppia di veterani Kurt Russell e Goldie Hawn, su Apple Tv+ spunta “Mariah Carey’s Magical Christmas Special”, uno show con la popolare cantante statunitense che con il suo brano “All I Want for Christmas is You” (1994) domina ormai da decenni tra radio o case per le feste. Ancora, l’offerta più appetitosa per le famiglie viene da Disney+, dove abbondano cartoon e film educativi, come pure riletture ironiche tipo “Mamma ho perso l’aereo” (1990) di Columbus o il più recente “Noelle” (2019) di Marc Lawrence. Da segnare in agenda, sempre su Disney+, la bella proposta “Soul” di Pete Docter, cartoon in arrivo il 25 dicembre.

Per uno sguardo “diverso”. Per accostarsi invece con passo diverso al Natale, la Commissione nazionale valutazione film CEI avanza la proposta di un ciclo di film legati alle quattro domeniche di Avvento, il sussidio pastorale “Sguardi d’Avvento verso il Natale” (gratuito e scaricabile di siti Cnvf.it o Comunicazionisociali.chiesacattolica.it). Il sussidio è impostato su quattro titoli attuali, reperibili sulle piattaforme in streaming più note: “Tutto il mondo fuori” (2020, su VatiVision) di Ignazio Oliva con la collaborazione di don Marco Pozza; “La vita davanti a sé” (2020, su Netflix) di Edoardo Ponti con Sophia Loren; “L’altro volto della speranza” (2017, su RaiPlay) di Aki Kaurismäki; e “Bar Giuseppe” (2020, su RaiPlay) di Giulio Base. Curato da don Andrea Verdecchia, il sussidio si rivolge a operatori pastorali e della comunicazione, a educatori, catechisti e in generale alle famiglie; un ciclo di consigli di visione in chiave pastorale andando a scandagliare la realtà odierna, istantanee di un’umanità in affanno ma anche desiderosa di riscatto. Un modo per abitare il Natale stando più prossimi alla realtà e nel contempo nelle pieghe del Vangelo.
Nota bene, le schede film sono accompagnate da rimandi al Vangelo di Marco, richiami al pensiero di papa Francesco e nel contempo collegamenti con film ormai classici come “La vita è meravigliosa” (1946) di Frank Capra o “Tutti insieme appassionatamente” (1965) di Robert Wise. Sono citati anche i più recenti “Up” (2009) di Pete Docter e “Nativity” (2006) di Catherine Hardwicke. Insomma, una proposta per tutti!

Articolo disponibile anche su Agenzia SIR

Forse ti interessa anche:

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film