110 E FRODE

Valutazione
Inconsistente, superficialità
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro
Genere
Farsesco
Regia
Bruce McCullock
Durata
93'
Anno di uscita
2003
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Stealing award
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Peter Tolan Peter Tolan, Martin Hynes
Musiche
Christophe Beck
Montaggio
Malcolm Campbell

Orig.: Stati Uniti (2002) - Sogg.: Peter Tolan, Martin Hynes - Scenegg.: Peter Tolan -Fotogr.(Normale/a colori): Ueli Steiger - Mus.: Christophe Beck - Montagg.: Malcolm Campbell - Dur.: 93' - Produz.: Susan Cavan.

Interpreti e ruoli

Jason Lee (John Plummer), Tom Green (Daff), Leslie Mann (Elaine), Megan Mullally (Patty), Dennis Farina (padre di Elaine), Chris Penn (Dave), Seymour Cassel (Jack)

Soggetto

Impiegato in una ditta di forniture mediche e fidanzato con la figlia del principale, John é riuscito finalmente a mettere da parte i 30mila dollari necessari a dare il via all'acquisto della loro futura casa da sposi. Soddisfatto, lo comunica ad Elaine, ma purtroppo il caso incombe su di lui. La sorella di John, donna dalla vita disordinata, ha una figlia molto brava al punto che l'Harvard University accetta la sua domanda, legandola al pagamento di una quota di iscrizione di 29mila dollari. Anni prima John, in uno slancio di generosità, si era impegnato a pagare le tasse universitarie della giovane, che ora chiede il mantenimento di quella promessa. La futura moglie da un lato, la nipote dall'altro: come fare fronte alle due situazioni con soli 30mila dollari? Disperato, John accetta il consiglio dell'amico Duff, un balordo molto distratto: mettere a segno qualche colpo sicuro nelle casseforti di alcune villette. L'impresa finisce male, e allora viene preso di mira il padre di Elaine, che tiene nascosti in ufficio 50mila dollari. Ma l'uomo viene informato e il colpo non riesce. Arrestato e processato, John viene assolto perchè il giudice frequentava da travestito una delle villette in cui in precedenza si era recato il ragazzo. Non sapendo quale soluzione cercare, ora John gioca ai cavalli. Qui inaspettatamente vince una forte somma. La nipote é accontentata e lui e Elaine si possono sposare.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commediola talmente sciocca e vuota, da procurare qualche imbarazzo. Se la trama (con quel dilemma in cui cala il protagonista) poteva offrire qualche spunto di interesse, lo svolgimento è così insignificante e piatto da finire nella più generale inutilità. Non si ride, non si reagisce, non succede niente di niente. Tutto resta sopra le righe, con un tono farsesco urlato e risibile. Gli attori vanno avanti alla meno peggio, la regia è da serial televisivo di serie B. Non ci sono segnali di qualcosa di buono nè di cattivo. Un minuto dopo la fine, tutto é dimenticato. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inconsistente, e segnato da totale superficialità. UTILIZZAZIONE: per la sua modestia complessiva, il film può essere trascurato, anche come passatempo: troppo insulso.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film