AMABILI RESTI

Valutazione
Consigliabile, Problematico
Tematica
Famiglia, Metafore del nostro tempo, Morte
Genere
Drammatico
Regia
Peter Jackson
Durata
139'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Stati Uniti
Titolo Originale
The Lovely Bones
Distribuzione
Universal Pictures International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Peter Jackson, Fran Walsh, Philippa Boyens tratto dal romanzo omonimo di Alice Sebold
Musiche
Brian Eno
Montaggio
Jabez Olssen

Orig.: Gran Bretagna/Nuova Zelanda/Stati Uniti (2009) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di Alice Sebold - Scenegg.: Peter Jackson, Fran Walsh, Philippa Boyens - Fotogr.(Scope/a colori): Andrew Lesnie - Mus.: Brian Eno - Montagg.: Jabez Olssen - Dur.: 139' - Produz.: Carolynne Cunningham, Fran Walsh, Peter Jackson, Aimee Peyronnet - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI (divieto derubricato il 16 febbario 2012).

Interpreti e ruoli

Mark Wahlberg (Jack Salmon), Rachel Weisz (Abigail Salmon), Saoirse Ronan (Susie Salmon), Susan Sarandon (nonna Lynn), Stanley Tucci (George Harvey), Michael Imperioli (Len Fenerman), Jake Abel (Brian Nelson), Amanda Michalka (Clarissa), Thomas McCarthy (Caden), Nikki SooHoo (Holly), Carolyn Dando . (Ruth)

Soggetto

Il 6 dicembre 1973 in un piccolo centro della Pennsylvania, la 14enne Susie segue il signor George in un nascondiglio da lui preparato in mezzo ai campi. Quando avverte la necessità di uscire, Susie capisce che é troppo tardi. George la uccide, e il suoi corpo comincia a vagare tra cielo e terra. I suoi genitori sono affranti dal dolore, il colpevole non viene individuato. George muore tempo dopo ma solo per una imprevedibile circostanza.

Valutazione Pastorale

C'è il romanzo di Alice Sebold alla base di questo copione che Peter Jackson ha rinvigorito da par suo: riuscendo a coniugare con perfetta aderenza la parte onirica e quella thriller. In realtà la ricerca del colpevole risulta funzionale alle modalità di permanenza di Susie nella zona dell'al di là. L'altra vita diventa una fase di passaggio nella quale é possibile prendere coscienza di se stessi solo in presenza dell'azzeramento del male compiuto. Sono sfumature importanti a sovrapporsi nelle vigorose pieghe del racconto. E il regista è bravo a evitare cadute in filosofie spicciole o facili teoremi di sapore panteista per stare al concreto del visionario totale, della favola simbolo, dove amore e dolore si confondono e di continuo rinascono. Jackson tiene in primo piano la fantasia dell'immagine, fervida e fertile, e lascia che prevalga l'emozione del fotogramma. Una riflessione struggente sulla perdita e sull'elaborazione del lutto per un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come consigliabile e nell'insieme problematico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito come spettacolo di forte livello su argomenti importanti. C'è il divieto ai minori di 14 anni, e quindi molta attenzione é da tenere per i minori anche in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film