ARACNO FOBIA *

Valutazione
Accettabile-riserve, Realistico
Tematica
Genere
Thrilling
Regia
Frank Marshall
Durata
110'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
ARACNOFOBIA
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Don Jacoby, Wesley Strick Don Jacoby, Al Williams Scenegg.: Don Jacoby, Wesley Strick
Musiche
Trevor Jones –Montagg.: Michael Kahn
Montaggio
Michael Kahn

Sogg.: Don Jacoby, Al Williams Scenegg.: Don Jacoby, Wesley Strick - Fotogr.: (normale/a colori) Mikael Salomon - Mus.: Trevor Jones –Montagg.: Michael Kahn - Dur.: 110' - Produz.: Kathleen Kermedy, Richard Vane

Interpreti e ruoli

Jeff Daniels (Ross Jennings), Julian Sands (James Atherton), Harley Jane Kozak (Molly Jennings), John Goodman (Delbert M.C. Clintock), Stuart Pankin (Parson), Brian M.C. Namara (Chris Collins), Mark L. Taylor (Jerry Manley), Henry Jones, Peter Jason, James Handy

Soggetto

mentre il dottor James Atherton dà la caccia sui monti e nelle foreste del Venezuela ad una particolare e rara specie di ragni, il suo fotografo viene punto da uno di essi e muore in pochi secondi. La cassa viene spedita e di poi aperta nella cittadina di Canaima (California) ove costui abitava ed un ragno, che ha viaggiato dentro di essa, ne sfugge e si rifugia in un fienile. A Canaima arriva il giovane dottor Ross Jennings (che per una malaugurata coincidenza ha fin dalla prima infanzia un dichiarato terrore per i ragni), con moglie e due bambini. Malgrado la ostilità professionale del più anziano collega dottor Sam Metcalf, che all'ultimo istante ha deciso di continuare a lavorare in loco, Ross trova una prima cliente nella signora Margaret Hollins. Da questo momento inizia la serie di misteriosi decessi: prima la signora Hollins; poi il dirigente della squadra di rugby ed uno dei giocatori; successivamente Metcalf, il becchino ed altri. Ross esige autopsie e riesumazioni e, seppure con le resistenze dello sceriffo, riesce ad essere autorizzato dal Coronér; poi si mette in contatto telefonico con Atherton, il quale arriva in persona a Canaima, dove intanto Ross ha scoperto che nel fienile, che fa parte della proprietà in cui risiede, vi sono enormi ragnatele. A giudizio di Atherton, la dannata tarantola deve essere arrivata con il corpo del suo fotografo. Ross scopre il nido (un sacco di larve) della bestiaccia, riprodottasi per partenogenesi. Mentre il panico serpeggia e le morti si susseguono (lo sceriffo e sua moglie, la figlia dello sportivo (deceduta sotto la doccia) e lo stesso Atherton (intrappolato fra le ragnatele), entra in azione un gigantesco idraulico-disinfestatore, Delbert Mc Clintock, che aiuta Ross per porre fine all'incubo e al pericolo.

Valutazione Pastorale

una storia di paura, realizzata da Franck Marshall e prodotta da Spielberg. Con un ragno detto Big bog che è una vedova nera repellente e assistito da una prole velocissima negli spostamenti e omicida. Il film desta interesse, anche se è scontato che lo sterminatore del ragno non poteva essere che il dottor Jennings, tenuto a vincere una buona volta il terrificante ricordo di quando a soli due anni si era visto un ragno a passeggio nel lettino. Discreta l'interpretazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film