BALLA CON NOI – LET’S DANCE

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Amicizia, Danza, Famiglia, Giovani, Musica
Genere
Commedia
Regia
Cinzia Bomoll
Durata
90'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Nomad Film
Soggetto e Sceneggiatura
Massimiliano Bruno, Pierpaolo Piciarelli in collaborazione con Cinzia Bomoll, Francesco Di Salvia Giannadrea Pecorelli, Massimiliano Bruno, Cinzia Bomoll
Musiche
Alessandro Tamburrini, Federico Ferretti, Stefano Tartaglini
Montaggio
Lorenzo K. Stanzani

Orig.: Italia (2011) - Sogg.: Giannadrea Pecorelli, Massimiliano Bruno, Cinzia Bomoll - Scenegg.: Massimiliano Bruno, Pierpaolo Piciarelli in collaborazione con Cinzia Bomoll, Francesco Di Salvia - Fotogr.(Scope/a colori): Marco Bassano - Mus.: Alessandro Tamburrini, Federico Ferretti, Stefano Tartaglini - Montagg.: Lorenzo K. Stanzani - Dur.: 90' - Produz.: Giannandrea Pecorelli, Tore Sansonetti per Aurora Film, Barter in collaborazione con RAI Cinema.

Interpreti e ruoli

Alice Bellagamba (Erica), Andrea Montovoli (Marco), Mascia Musy (Valeria), Sara Santostasi (Antonella), Guido Branca (Congo), Francesca Pompei (Sara), Samuel Terracina (Aziz), Ons Ben Raies (Najat), Giuseppe Di Mauro (Manga), Mauro Peruzzi (Cico), Elisabetta Di Carlo (Betty), Fiorenza Tessari (Rossana), Massimo Ciavarro (Giancarlo)

Soggetto

Alla vigilia dell'esame di diploma all'Accademia di Danza di Roma, Erica, 18 anni, si infortuna alla caviglia. Depressa, si riprende grazie all'aiuto del fratello Marco, leader degli Avengers, un gruppo di hip-hop che si esibisce in gare di ballo di strada. Da quel momento danza classica e ritmi moderni trovano un punto di incontro.

Valutazione Pastorale

Il copione tenta un incontro, insieme prevedibile e complicato, tra la danza vecchio stile e quella giovanile. Su questo secondo fronte, gli stereotipi americani incombono e vengono ricalcati a piene mani, nel modo di vestire, nei gesti, nelle parole. Riguardo al primo, si tenta la costruzione di una improbabile maestra di danza classica che poi si 'converte' al rep e simili, con atteggiamento conciliante e comprensivo. L'unica via d'uscita è considerare il copione come una favola metropolitana dove ben poco di ciò che accade è vero ma è bello pensare che possa accadere. La fiaba allora ha una sua quasi infantile simpatia e il film, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme semplice.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, e in occasioni successive, come proposta per ragazzi e adolescenti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV