BEFORE SUNSET – Prima del tramonto

Valutazione
Accettabile, Problematico, dibattiti**
Tematica
Matrimonio - coppia, Sessualità, Solidarietà-Amore
Genere
Commedia
Regia
Richard Linklater
Durata
80'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Before Sunset
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Richard Linklater, Kim Krizan, Ethan Hawke, Julie Delpy basato sui personaggi creati da Kim Krizan
Musiche
brani di autori vari
Montaggio
Sandra Adair

Orig.: Stati Uniti (2004) - Sogg.: basato sui personaggi creati da Kim Krizan - Scenegg.: Richard Linklater, Kim Krizan, Ethan Hawke, Julie Delpy - Fotogr.(Normale/a colori): Lee Daniel - Mus.: brani di autori vari - Montagg.: Sandra Adair - Dur.: 80' - Produz.: Anne Walker-McBay.

Interpreti e ruoli

Julie Delpy (Celine), Ethan Hawke (Jesse)

Soggetto

Dopo quel primo, casuale, intenso incontro su un treno diretto a Vienna, Jesse e Celine si sono dati un altro appuntamento che però non è mai avvenuto. Sono passati nove anni. Jesse, diventato scrittore, vive a New York ed è ora a Parigi per presentare il suo utlimo libro. A Parigi Celine abita da sempre e, letta la notizia, va alla libreria e si fa vedere. Il nuovo incontro tra i due comincia con qualche imbarazzo. Lui dovrebbe prendere un aereo ma poi si offre di accompagnare lei a casa. Si avviano a piedi e, camminando per le strade della capitale, a poco a poco i loro discorsi si fanno più fitti e approfonditi. Si parla delle situazioni familiari (lui é sposato con un figlio piccolo), di rapporti di coppia, di tradimenti, di sesso, di successo, di rimpianti. I due vanno in un caffè, entrano in qualche negozio, prendono un battello sulla Senna. Infine Jesse sale nell'appartamento di Celine, si esibisce alla chitarra, azzarda qualche approccio. Non succede niente.

Valutazione Pastorale

"Prima dell'alba", girato da Linklater nel 1995, finiva con Jesse e Celine che si ripromettono di vedersi di nuovo alla stazione di Vienna dopo sei mesi. Il successo forse imprevisto di quel film e la conclusione rimasta 'in sospeso' hanno indotto il regista americano a far incontrare di nuovo i due personaggi, cresciuti di nove anni, sia loro sia gli attori che danno loro volto. Tutto si svolge nell'arco di un pomeriggio, affidato a lunghe camminate che la m.d.p. segue in tempo reale con un bell'effetto dinamico e di 'verità'. In questo modo Linklater riesce a mantenere in equilibrio il rapporto tra le parole e l'immagine. Il dialogo é fitto, da un argomento ne scaturisce un altro, e sono riflessioni che mettono a nudo i palpiti del cuore di entrambi, la difficoltà del presente, l'amarezza per le occasioni mancate, la tentazione di dire cose cattive, la rabbia per non saper decifrare al meglio la logica dei sentimenti, dell'erotismo, della politica, i valori della spiritualità, della fede. Nell'impossibilità di arrivare ad una ricomposizione tra passato e presente, i due si lasciano ancora tra malinconia e nostalgia. Film di pregevole fattura che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, problematico e adatto per dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria con attenzione per la presenza di minori. Stessa cura é da tenere in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film