CUCCIOLI – IL PAESE DEL VENTO

Valutazione
Consigliabile, semplice
Tematica
Amicizia, Bambini, Ecologia, Famiglia, Solidarietà-Amore
Genere
Film d'animazione
Regia
Sergio Manfio
Durata
80'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Italia
Distribuzione
01 Distribution
Musiche
Lorenzo Tomio
Montaggio
Umberto Barison

Orig.: Italia (2014) - Sogg. e scenegg.: Sergio Manfio, Francesco Manfio con la collaborazione di Anna Manfio, Davide Stefanato - Fotogr.(Panoramica/a colori): Mauro Lovadina - Mus.: Lorenzo Tomio (musiche e canzoni: Sergio Manfio) - Montagg.: Umberto Barison (anche aiuto regia) - Dur.: 80' - Produz.: Gruppo Alcuni.

Interpreti e ruoli

Olli (voce: Monica Ward), la gattina (v.: Paolo Lombardi), Diva (v.: Edoardo Nevola), la papera (v.: Laura Lenghi (v.: Gigi Rosa), Portatile (v.: Paola Giannetti), il cagnolino (v.: Gerolamo Alchieri), Cilindro (v.: Enrico Di Troia), il coniglio (v.: Franco Mannella), Pio (v.: Stefano Mondini), il ranocchio (v.: Nanni Baldini), Maga Cornacchia, Ambrogio, Cuncun, Canbaluc, il custode del Vento, Re Ciclone .

Soggetto

I Cuccioli, sei inseparabili amici, abitano a Soffio, meglio noto come il Paese del vento: una piccola località dove tutto, ma proprio tutto, funziona grazie all'energia eolica, In agguato c'è la perfida Maga Cornacchia decisa ad impossessarsi della "Girandolona", un meccanismo che genera il vento. Fermato quello, la malvagia donna può prendere il controllo della cittadina. Decisi ad organizzare una difesa, i Cuccioli informano il Custode del Vento e quindi devono opporsi alla distruzione dei mulini a vento da parte delle macchine infernali di Maga Cornacchia. Affrontano imprese quasi impossibili e mirabolanti, prima che la "Girandolona" sia riportata al proprio posto e la vita possa tornare normale a Soffio.

Valutazione Pastorale

Bisogna dirlo, perché è un dato comunque interessante. Pur di fronte ai grandi colossi americani, la via italiana all'animazione non si perde d'animo, anzi si concentra e rilancia con caparbietà. Il Gruppo Alcuni, fondato nel 1973,lavora con continuità per cinema e televisione. In TV da tempo viene trasmessa la serie "Cuccioli" su Rai 2 e Rai YOYO; nel 2010 è uscito nelle sale "Cuccioli - Il codice di Marco Polo". Seguito ideale è ora questo "Cuccioli - Il Paese del Vento". Gli autori non nascondono che il pubblico ideale del lavoro è quello tra i 6 e i 9 anni. I bambini infatti trovano nei sei cuccioli al centro della storia personaggi nei quali si ritrovano e con i quali scatta l'identificazione. La vicenda è lineare e di immediata comprensione: il male non si vince con altro male ma con la pazienza del bene. L'idea del gruppo e il concetto di non violenza sono i riferimenti. Per renderli più evidenti, ecco che il copione talvolta si ferma e i protagonisti guardano verso gli spettatori per coinvolgerli nell'azione. E' una scelta fatta per dare un seguito a precise responsabilità educative e per rendere il rapporto attivo e vivace. Le buone intenzioni sono dunque tante, tutte encomiabili e degne dei migliori elogi. Magari lo script evita picchi di poesia e non diventa grande favola metaforica non solo per bambini. E non è detto che il didascalismo sia sempre una soluzione ottimale. Ma il lavoro è da incoraggiare, e il film, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme semplice.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in molte successive occasioni come proposta di passatempo sereno e rilassante per bambini e ragazzi. Anche a livello educativo e scolastico (con possibilità di abbinarvi un simpatico gioco).

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film