DOPPIA PERSONALITÀ

Valutazione
Inaccettabile, farneticante
Tematica
Giallo - Triller, Malattia, Medicina
Genere
Thrilling
Regia
Brian De Palma
Durata
93'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
RAISING CAIN
Distribuzione
U.I.P.
Musiche
Pino Donaggio
Montaggio
Paul Hirsch, Bonnie Koehler, Robert Dalva

Sogg. e scenegg.: Brian De Palma - Fotogr. (panoramica/a colori): Stephen H. Burum - Mus.: Pino Donaggio - Montagg.: Paul Hirsch, Bonnie Koehler, Robert Dalva - Dur.: 93' - Produz.: Gale Anne Hurd - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

John Lithgow (Carter Nix/Can/Josh/Margo/Nix Senior), Lolita Davidovich (Jenny Nix), Steven Bauer (Jack Dante), Frances Sternhagen (Waldheim), Gregg Henry (Terri), Tom Bower (Cally), Mel Harris (Sarah), Teri Austin, Gabrielle Carteris, Barton Heyman, Amanda Pombo.

Soggetto

Il dottor Carter Nix, psichiatra per bambini, sembra un perfetto marito e padre, ma sua moglie Jenny (medico ospedaliero) comincia a preoccuparsi per il suo strano comportamento, e soprattutto per l'ossessiva cura con cui circonda la loro piccola Amy, per dedicarsi alla quale ha lasciato il proprio lavoro da tre anni. Egli è figlio di uno psichiatra svedese, assai noto, molti anni prima, per i suoi studi sul comportamento infantile, e che pare si sia suicidato, gettandosi in mare, quando fu ricercato per gli esperimenti fatti su bambini, che comprava appositamente. E ora Carter vuol portare sua figlia a Oslo, perché venga sottoposta proprio a quel tipo di esperimenti, ma Jenny non è d'accordo. Intanto Nix ha rubato un bambino al parco giochi (dove aveva accompagnato Amy), uccidendone in auto la madre, col proposito di gettarne il cadavere nel fiume, come gli ha suggerito Cain, il suo perfido gemello, apparsogli improvvisamente. Riportata a casa la figlia addormentata, Carter, sentendo piangere il bambino, che ha lasciato nell'auto, in garage interrompe il rapporto amoroso, che ha con la moglie, e va a prendere il piccolo, e poco dopo, ha un colloquio con l'anziano e autoritario padre, che gli dà un narcotico, facendogli così dimenticare ciò che ha fatto. In realtà Cain non esiste: è solo la personalità sdoppiata di Carter, che il padre gli ha inculcato nell'infanzia, facendolo servire spietatamente da cavia. Però egli ha anche altre due personalità meno importanti: lo sciocco Josh e l'ambigua Margo. Frattanto Jenny ha riallacciato una storia d'amore con Jack Dante, del quale aveva curato la moglie Emma morente di cancro, che li sorprese a baciarsi e morì per arresto cardiaco. Per S.Valentino Jenny ha comprato due orologi: uno per il marito e uno per l'ex amante, ma scambia i pacchetti. Rimessi i pacchetti al posto giusto, andando di notte all'albergo di Jack, col quale resta fino al mattino, Jenny apprende dall'amica Sara che il marito l'ha cercata tutta la notte, recandosi poi a denunciare alla polizia la scomparsa sia della moglie sia della figlia. In realtà ha tentato di uccidere Jenny, gettandola, chiusa in auto, nella palude (ma lei è riuscita a salvarsi), e ha portato Amy da suo padre. Alla polizia Carter cerca di far credere Jack colpevole delle molte sparizioni avvenute recentemente nel parco: due madri, tre bambini e una baby sitter. Ma un anziano poliziotto, Mac, ricorda il caso di suo padre (fisicamente identico a lui) e indica nella dottoressa Waldheim la socia che allora testimoniò contro lo psichiatra. Rintracciata la donna, ora gravemente malata, questa si offre di far parlare Carter sotto ipnosi, per scoprire dove sono nascosti i bambini scomparsi. Ma Nix, svegliatosi, riesce a tramortire la Waldheim e a fuggire, travestito da donna, indossando abiti e parrucca di lei, senza che la polizia lo noti. Lo insegue invece Jenny, che si trova infine davanti al marito e al suocero, il quale ha in braccio Amy, e Carter uccide suo padre pugnalandolo, mentre la bambina, che cade nel vuoto, viene salvata da Jack appena sopraggiunto. Carter sparisce, e sua moglie, che ora vive felice con Jack e con la figlioletta, spera di ritrovarlo per poterlo aiutare. Un giorno, al parco, la bambina si allontana e Jenny, cercandola, non vede lì presso il marito vestito da donna: adesso ha la personalità di Margo.

Valutazione Pastorale

Questo film di Brian De Palma è basato su una sceneggiatura sgangherata e implausibile, nella quale il thriller sbanda continuamente, per l'affastellarsi delle troppe complicazioni della vicenda, che la rendono eccessivamente oscura e farneticante. Quanto ai personaggi, appaiono tutti sconclusionati, saggi o pazzi che siano. L'insieme è moralmente inaccettabile e piuttosto irritante. Buona l'interpretazione del protagonista, John Lithgow, che impersona Carter, Caino, il dr. Nix padre, Josh e Margo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film