DUE AMICHE ESPLOSIVE

Valutazione
Accettabile-riserve, grossolanità
Tematica
Amicizia, Donna, Famiglia
Genere
Commedia
Regia
Bob Dolman
Durata
97'
Anno di uscita
2003
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The banger sisters
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Musiche
Trevor Rabin
Montaggio
Aram Nigoghossian

Orig.: Stati Uniti (2002) - Sogg. e scenegg.: Bob Dolman - Fotogr.(Scope/a colori): Karl Valter Lindenlaub - Mus.: Trevor Rabin - Montagg.: Aram Nigoghossian - Dur.: 97' - Produz.: Mark Johnson, Elizabeth Cantillon.

Interpreti e ruoli

Goldie Hawn (Suzette), Susan Sarandon (Lavinia/Vinnie), Geoffrey Rush (Harry), Erika Christensen . (Hannah), Eva Amurri (Ginger), Robin Thomas . (Raymond)

Soggetto

Rimasta senza lavoro, Suzette decide di andare a Phoenix per chiedere aiuto a Vinnie, sua grande amica di venti anni prima, quando le due erano "Banger sisters": ossia quelle ragazze aggregate alle tourneé dei gruppi rock, disposte a tutto nei confronti dei ragazzi del gruppo. Lungo la strada Suzette fa salire in macchina un certo Harry, strano tipo che ha una pistola con un colpo che dice di voler destinare al padre. Il primo incontro tra le due amiche di un tempo non é dei migliori. Vinnie, ora Lavinia, è sposata, ha due figlie, un marito affermato, una villa con piscina, e offre soldi a Suzette perché vada via. Quest'ultima si rifugia nell'albergo dov'é alloggiato Harry e, una sera, soccorre Hannah, una delle figlie, sentitasi male ad un festa. Da quel momento la presenza di Suzette comincia a condizionare i rapporti tra i membri della famiglia di Lavinia. A poco a poco riaffiorano i ricordi di un tempo. Lavinia si lascia andare e le figlie scoprono una madre imprevista. Suzette sembra scatenata e superficiale, ma in una occasione dice all'amica di essere triste per non avere una famiglia con cui magari litigare ma stare insieme. Hannah pronuncia un bel discorso nel giorno del suo congedo dal liceo. Ora la famiglia di Lavinia ha ritrovato serenità. Suzette riparte con Harry a fianco.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia imperniata sul confronto tra generazioni e su alcuni evidenti riferimenti autobiografici. Arrivate all'età matura, Suzette e Vinnie (personaggi) ricordano il 'come eravamo' di trenta anni addietro. Ma, insieme, anche Goldie Hawwn e Susan Sarandon (attrici, donne)recuperano il periodo del loro inizio di carriera e di un'America fine anni Sessanta che viveva l'epico periodo di Woodstock e delle marce antiVietnam. Curioso notare poi che Kate Hudson, figlia di Goldie Hawn, era nel cast di "Quasi famosi" di Cameron Crowe, dedicato proprio alle tournee anni Sessanta dei gruppi rock; e che qui nel ruolo di Ginger, seconda figlia di Vinnie, c'é Eva Amurri, figlia della Sarandon nella realtà. Intrecci tra vita vera e finzione si snodano in un racconto giocato sulla crescita dei singoli protagonisti in coincidenza con una maggiore presa di coscienza di sè e delle responsabilità verso gli altri. La permanenza di Suzette consente a lei stessa di cominciare a costruirsi un futuro diverso e a Vinnie e alla sua famiglia di far cadere la maschera del perbenismo. Buoni propositi, tono generalmente brillante e film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come accettabile ma con riserve per la presenza di scene e linguaggio un po' pesanti a determinare non poche grossolanità. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e proposto in altre occasioni per offrire, sullo sfondo di uno spettacolo di buona fattura, qualche piccola occasione di riflessione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV