ENDER’S GAME

Valutazione
Consigliabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Adolescenza, Famiglia - fratelli sorelle, Famiglia - genitori figli, Guerra, Letteratura, Metafore del nostro tempo
Genere
Metafora
Regia
Gavin Hood
Durata
114'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Ender's Game
Distribuzione
Eagle Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Gavin Hood tratto dal romznzo "Il gioco di Ender" di Orson Scott Card
Musiche
Steve Jablonsky
Montaggio
Zach Staenberg

Orig.: Stati Uniti (2013) - Sogg.: tratto dal romznzo "Il gioco di Ender" di Orson Scott Card - Scenegg.: Gavin Hood - Fotogr.(Scope/a colori): Donald M. McAlpine - Mus.: Steve Jablonsky - Montagg.: Zach Staenberg - Dur.: 114' - Produz.: Orson Scott Card, Gigi Pritzker, Linda McDonough, Alex Kurtzman, Roberto Orci, Robert Chartoff, Lynn Hendee.

Interpreti e ruoli

Harrison Ford (Col. Hyram Graff), Asa Butterfield (Ender Wiggin), Hailee Steinfeld (Petra Arkanian), Viola Davis . (Magg. Gwen Anderson), Abigail Breslin (Valentine Wiggin), Ben Kingsley (Mazer Rackham), Moises Arias (Bonzo), Nonso Anozie . (Serg. Dap), Aramis Knight . (Bean)

Soggetto

Solamente grazie all'intuito del comandante Mazer Rakham la Terra ha potuto fronteggiare l'attaco degli alieni Formics che hanno seminato morte e distruzione. L'inevitabikle reazione è affidata al colonnello Graff, che ha il compito di rinforzare i presidi,reclutando i migliori ragazzi in tutto il Pineta, tra i quali scegliere l'erede di Rakham. Uno in particolare, Ender Wiggin, si mette in evidenza per le sue brillanti qualità. Supera le varie fasi del corso e viene avviato alla prova generale contro il nemico. Ender ottiene la vittoria, distruggendo l'avversario. Solo alla fine Graff gli rivela che non era una prova ma la battaglia vera, e che ora ogni pericolo è superato. Per Ender, che si sente ingannato, si tratta di una dura lezione di vita.

Valutazione Pastorale

All'inizio c'è il romanzo "Il gioco di Ender", scritto nel 1985 da Orson Scott Card, e prima puntata di un ciclo fantascientifico di notevole successo editoriale. La trasposizione cinematografica era pressochè inevitabile negli anni dei trionfi al botteghino di tante serie collocate nelle varie sfumature del fantastico. Un merito c'è già: anche chi non ha letto il libro può partecipare con buoni margini di emozione alla vicenda di crescita e formazione del piccolo Ender, al suo quasi forzato lasciare la famiglia, alla dura legge della scuola militare con il colonnello Graff, alla fiducia assoluta nel valore della difesa fin troppo btutalmente spezzata dalla consapevolezza di essere stato ingannato. C'è tantissima materia per riflettere all'interno di un copione che si svolge negli spazi profondi ma non toglie mai la sensazione di parlare con totale adesione alla Terra di oggi, all'America in primo luogo, e poi anche agli altri. La regia è compatta, essenziale, ruvida e poetica insieme. Gli effetti speciali che occupano le sequenze di battaglia sono visti con lo guardo dell'adolescente e sembrano un gioco più grande di lui. Film intenso che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programamzione ordinaria e in successive occasioni come proposta molto valida anche per ragazzi e a livello didattico.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film