FORTAPÀSC

Valutazione
Consigliabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Giovani, Mass-media, Politica-Società, Potere, Violenza
Genere
Drammatico
Regia
Marco Risi
Durata
106'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Italia
Distribuzione
01 Distribution
Musiche
Franco Piersanti
Montaggio
Clelio Benevento

Orig.: Italia (2008) - Sogg. e scenegg.: Jim Carrington, Andrea Purgatori, Marco Risi - Fotogr.(Panoramica/a colori): Marco Onorato - Mus.: Franco Piersanti - Montagg.: Clelio Benevento - Dur.: 106' - Produz.: Angelo Barbagallo, Guanluca Curti per RAI Cinema.

Interpreti e ruoli

Libero De Rienzo (Giancarlo Siani), Valentina Lodovini (Daniela), Michele Riondino (Rico), Massimiliano Gallo (Valentino Gionta), Ernesto Mahieux . (Sasà), Salvatore Cantalupo (Ferrara), Gigio Morra (Carmine Alfieri), Ennio Fantastichini (sindaco Cassano), Renato Carpentieri (prof. Lamberti), Gianfelice Imparato (pretore Rosone), Marcello Mazzarella (emissario dei siciliani), Duccio Camerini (Angelo Nuvoletta)

Soggetto

Appena entrato come precario nella redazione di Torre Annunziata del quotidiano Il Mattino, il giovane Giancarlo Siani si mette in evidenza per il suo modo di fare diretto e sbrigativo nei confronti di argomenti quali gli appalti pubblici, i rapporti camorra-politica e simili. In particolare ad essere preso di mira è il sindaco della cittadina campana. Quando viene promosso e trasferito a Napoli, Siani mostra di non capire alcuni avvertimenti che gli vengono fatti giungere. Infine una sera, sotto la sua casa al Vomero, viene ucciso. E' il 23 settembre 1985 e Siani ha 26 anni.

Valutazione Pastorale

I fatti, come si sa, sono amaramente autentici, e la loro ricostruzione ha una doppia importanza. Da un lato riporta alla memoria l'episodio: sono passati 24 anni e larga parte dei giovani non ne ha mai sentito parlare o ha idee confuse in proposito. Dall'altro ribadisce la necessità per l'oggi di un impegno rinnovato e comune contro la malavita organizzata e il malaffare, e a favore di una cultura della legalità. Sembrano notazioni scontate, e a rischio di retorica, ma bisogna continuare a dirle, sulla scia di questo prodotto che Marco Risi dirige con vigore, mettendo insieme un ritmo narrativo sostenuto e una passione civile comunque imprescindibile. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito da proporre come avvio alla riflessione su quei fatti e nel raffronto con la situazione odierna.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV