GIORNI CONTATI

Valutazione
Inaccettabile, fuorviante
Tematica
Movimenti e sette, Tematiche religiose
Genere
Fantastico
Regia
Peter Hyams
Durata
120'
Anno di uscita
1999
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
End of days
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Musiche
John Debney
Montaggio
Steve Kemper

Orig.:Stati Uniti (1999) - Sogg. e scenegg.: Andrew W.Marlowe - Fotogr.(Scope/a colori): Peter Hyams - Mus.: John Debney - Montagg.: Steve Kemper - Dur.: 120' - Produz.: Armyan Bernstein, Bill Borden.

Interpreti e ruoli

Arnold Schwarzenegger (Jericho Cane), Gabriel Byrne (l'uomo), Kevin Pollak (Chicago), Robin Tunney (Christine), Rod Steiger (padre Murphy), Cch Pounder (ispettore Marge Francis), Derrick O'Connor (Thomas Aquinas), Miriam Margolyes (Mabel), Udo Kier (parroco), Victor Varnado . (Albino)

Soggetto

Nel 1979 a New York, in un ospedale di Manhattan,nasce Christine. Lo stesso giorno in Vaticano un cardinale informa il Papa di questa nascita, temuta per secoli. La bambina porta il marchio dell'Anticristo ed é stata scelta per un'unione blasfema. Dopo un battesimo poco ortodosso nella sala mortuaria dell'ospedale, la bimba viene restituita alla madre, ma niente é più come prima. Venti anni dopo, il 28 dicembre 1999,siamo ancora a New York. Jericho Cane, ex-poliziotto disilluso dopo la morte di moglie e figlia, svolge con il collega Chicago il lavoro di addetto alla sicurezza. Un giorno salva una ragazza da una banda di aggressori: si chiama Christine York e confida a Cane di essere perseguitata fin da piccola da terrificanti visioni di cui non capisce i motivi e non riesce a liberarsi. Christine é l'inconsapevole oggetto del desiderio di un Uomo, ultima incarnazione del Male: l'unione tra loro darà il via all'era del Diavolo. Cane decide allora di prendere la difesa della ragazza:deve difenderla non solo dall' Uomo ma anche da frange di cattolici oltranzisti arrivati dal Vaticano. Christine resta prigioniera ma alle 23 del 31 dicembre Cane riesce a liberarla e insieme scappano. Inseguiti dall'Uomo, alle 23.51 si rifugiano in una chiesa. Dopo un duro scontro, c'è un'esplosione dalla quale emerge un mostruoso diavolo tentacolare. Alle 23.57 anche Cane é ormai 'posseduto' dal male. Resiste, fa scappare Christine, poi muore, sacrificandosi così per salvare il mondo.

Valutazione Pastorale

Nonostante i riferimenti alle 'Rivelazioni' e ad altri testi importanti, il film non riesce mai a dare sostanza e convinzione a quello che viene raccontando. Il tema é (o vorrebbe essere) quello derivato dalla frase: "E quando il millesimo anno sarà compiuto, Satana verrà liberato dalla sua prigione" (Rivelazioni,20.7). L'Anticristo, la lotta tra il Bene e il Male, la reincarnazione, la fine del mondo: tutto un repertorio per niente nuovo, già visto in tante altre occasioni e qui riproposto nell'ambito di quel filone "fine Millennio", che nel cinema americano mescola con disinvoltura spiritualismo, fatalismo, stregoneria, new age e molte altre cose confuse. Ad aggravare, in questo caso, tutto l'insieme ci sono gli effetti speciali usati a piene mani e spesso a sproposito. Ne deriva un'orgia non solo di incredibilità e di contraddizioni ma anche di orrori visivi, di violenza esasperata, gridata, sempre eccessiva: con contorno di pseudo-profezie, di posticce rappresentazioni del Papa e del Vaticano, di artificiose ricerche d'identità, di grandi interrogativi posti in modo risibile. Un'operazione solo spettacolare, con qualche momento certo sul piano professionale ben riuscito ma sempre soffocato dai toni roboanti. Una storiaccia, un gran pasticcio non privo di errori anche sul piano teologico (il sacrificio finale). Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inaccettabile e fuorviante rispetto ai temi che tratta. UTILIZZAZIONE: l'utilizzazione é da evitare sia in programmazione ordinaria sia in altre circostanze.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film