GODZILLA

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Famiglia, Fantascienza
Genere
Drammatico
Regia
Gareth Edwards
Durata
120'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Godzilla
Distribuzione
Warner Bros Entertainment Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Max Borenstein David Callaham basato sul personaggio "Godzilla"
Musiche
Alexandre Desplat
Montaggio
Bob Ducsay

Orig.: Stati Uniti (2014) - Sogg.: David Callaham basato sul personaggio "Godzilla" (Toho Co, LTD) - Scenegg.: Max Borenstein - Fotogr.(Scope/a colori): Seamus McGarvey - Mus.: Alexandre Desplat - Montagg.: Bob Ducsay - Dur.: 120' - Produz.: Thomas Tull, John Jashni.

Interpreti e ruoli

Aaron Taylor Johnson (Ford Brody), Ken Wàtanabe (dott. Ishiro Serizawa), Elizabeth Olsen (Elle Brody), Juliette Binoche (Sandra Brody), Sally Hawkins (Vivienne Graham), David Strathairn (amm. William Stenz), Bryan Cranston (Joe Brody)

Soggetto

Ford Brody, giovane ufficiale della Marina specializzato nel disarmare bombe, si è appena riunito a San Francisco con la moglie e il figlioletto, quando viene chiamato ad aiutare suo padre Joe in difficoltà in Giappone. L'uomo da quindici anni si dedica interamente alla ricerca della verità sul tragico episodio accaduto nel 1999 che costò la vita alla moglie Sandra. Un remota miniera nella giungla delle Filippine era collassata, svelando al suo interno i resti fossilizzati altamente radioattivi di qualcosa molto grande e molto antica. Joe segue ancora quel caso, e il figlio, dopo aver provato a distoglierlo, verifica da alcuni episodi che il padre ha forse ragione. Nel luogo ormai vuoto della vecchia centrale nucleare, il dott. Serizawa scopre l'enormità di un segreto tenuto troppo a lungo nascosto: qualcosa ha trovato nutrimento dai reattori nucleari della centrale e dopo 15 anni si è finalmente svegliato. Prendono forma alcuni mostri di terribile ferocia distruttiva. Ma emerge in superficie anche la figura impressionate di Godzilla. Quando il mondo sembra ormai incapace di attrezzare una difesa utile, è proprio Godzilla a mettere fine alla distruzione del mondo.

Valutazione Pastorale

Nel 1954 la giapponese Toho Co. Ltd realizza "Godzilla", il film sui mostri diretto da Ishiro Honda, ritratto di un paese che si stava ancora riprendendo dalla devastazione della Seconda Guerra Mondiale. Dopo 60 anni di grandi successi, eccolo ancora il mostro per antonomasia. "Abbiamo dovuto scegliere -dice il regista Garet Edwards- come rivelare Godzilla in questo film. E' stato difficile ma aveva a che fare con la domanda se Godzilla fosse buono o cattivo". Siamo nel punto centrale di questo copione che per oltre la metà scorre sui binari sfrenati, nervosi, imprendibili della storia d'azione, circondata da mirabolanti effetti speciali, e, quando il 'mostro' si è rivelato in tutta la sua sfrontata padronanza, inclina verso un finale inatteso e inaspettato. Godzilla è il vero deus che risolve i problemi, per poi tornarsene sotto l'oceano. Una specie di pistolero buono al contrario, di Spider Man che non ha bisogno di cambiare maschera. Forse era proprio il momento di risarcire i giapponesi di Hiroshima e di guardare con più rispetto alla Natura. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e semplice sotto il profilo narrativo.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come proposta altamente spettacolare anche per adolescenti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film