GOLDENEYE *

Valutazione
Discutibile, Crudezze
Tematica
Film per ragazzi
Genere
Spionaggio
Regia
Martin Campbell
Durata
129'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
GOLDENEYE
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Jeffrey Caine, Bruce Feirstein Michael France
Musiche
Eric Serra
Montaggio
Terry Rawlings

Sogg.: Michael France - Scenegg.: Jeffrey Caine, Bruce Feirstein - Fotogr.: (scope / a colori) Phil Meheux - Mus.: Eric Serra - Montagg.: Terry Rawlings - Dur.: 129' -Produz.: Michael G. Wilson, Barbara Broccoli

Interpreti e ruoli

Pierce Brosnan (James Bond), Sean Bean (Alec Trevelyan), Izabella Scorupco (Natalya Simonova), Framke Janssen (Xenia Onatopp), Gottfried John (Generale Ourumov), Alan Cumming (Boris Grishenko), Robbie Coltrane (Valentin Zukovsky), Joe Don Baker, Judi Dench, Desmond Llewelyn, Samantha Bond, Michael Kitchen, Serena Gordon, Simon Kunz

Soggetto

Dopo aver fatto esplodere una fabbrica chimica russa (qui muore il collega Alec Trevelyan) l'agente James Bond si reca a Montecarlo, dove la bella e letale Xenia Onatopp, alle dipendenze di una banda mafiosa russa ruba un prototipo di elicottero sostituendosi al pilota e contribuendo, con la complicità del generale russo Ourumov, al furto del sistema satellitare "Goldeneye", capace di lanciare missili orbitali sul pianeta. La base missili-stica di Severnaya viene espugnata, ma alla strage del personale scampa la programmatrice Natalya Simonova che, giunta a Pietroburgo, ritrova con il computer via modem Boris Grishenko, il programmatore della base, anch'es-so fortuitamente scampato. Incaricato di rintracciare il sistema rubato, Bond entra in contatto con Janos attraverso un vecchio rivale, Valentin Zukovsky, e scopre che questi è il redivivo Alec, in combutta col corrotto generale Ourumov. Legato sull'elicottero insieme a Natalya, a sua volta catturata grazie a Boris, anch'esso traditore, Bond scampa all'esplosione del mezzo e viene arrestato, ma fugge di nuovo e insegue Ourumov (che ha Natalya in ostaggio) con un carro armato col quale ferma il treno blindato su cui fuggo-no Janos e i suoi accoliti. Scampato all'esplosione del treno, James Bond si reca nei Caraibi alla ricerca del secondo Goldeneye, celato in un lago. Anche qui Bond deve affrontare le guardie di Janos: dopo violente sparatorie e varie peripezie riesce a deviare la rotta del missile lanciato da Janos su Londra e a far precipitare quest'ultimo, dopo una violenta colluttazione, da una grande antenna parabolica con la quale dirigeva i suoi missili.

Valutazione Pastorale

Gli ingredienti sono ovviamente quelli soliti: spio-naggio internazionale; il complotto di un criminale che vuole destabilizzare la Terra; l'esibizione di armi letali e marchingegni di alta tecnologia. Non mancano naturalmente le "Bondgirl", qui rappresentate da una cattivona stri-tolauomini e da una bella russa postcomunista. Naturalmente lo scenario della Guerra Fredda cede il posto ad un caos più o meno aggrovigliato dove mafie e gruppi criminali spadroneggiano, solo che qui è ormai stemperato il clima forse più naïf nell'impostazione ma certamente più romantico ed epico della vecchia cortina di ferro, con figure molto più emblematiche. L'attore Pierce Brosnan è carino, diligente, ma svolge il suo compitino in modo impiegatizio, tutto ovviamente sopra le righe, con spettacolari quanto impro-babili peripezie. Certamente qualche scena e situazione ed alcune allusioni sono censurabili.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film