GRATEFUL DAWG

Valutazione
Raccomandabile, poetico**
Tematica
Amicizia, Musica
Genere
Musicale
Regia
Gillian Grisman
Durata
82'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Grateful Dawg
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Musiche
le canzoni eseguite e cantate dai due protagonisti
Montaggio
Josh Baron

Orig.: Stati Uniti (2000) - Sogg. e scenegg.: Gillian Grisman - Fotogr.(Normale/a colori): Jesse Block e altri - Mus.: le canzoni eseguite e cantate dai due protagonisti - Montagg.: Josh Baron - Dur.: 82' - Produz.: Alicia Sacks.

Soggetto

Vengono ripercorse la vita e carriera dei cantanti-musicisti Jerry Garcia e David Grisman. A partire dagli anni '60, si susseguono interviste, ricordi, spezzoni di concerti, esecuzione di brani in sala d'incisione, testimonianze di chi ha conosciuto e frequentato i due artisti: toccando le tappe della loro carriera ma anche quell'aspetto più appartato che era il loro sentirsi 'musicologi', ossia studiosi delle tradizioni musicali. Un'amicizia profonda interrotta solo dalla scomparsa improvvisa di Jerry.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un prodotto originale e inconsueto, musicale certo ma non solo. L'idea di ripercorrere le tappe dell'avventura professionale dei due musicisti diventa ben presto l'occasione per comporre una cronaca affettuosa e palpitante. I vari momenti del materiale documentaristico accompagnati da una voce fuori campo sono diluiti su uno sfondo che consente di recuperare e portare in primo piano tutta la grande tradizione della country music americana, con uno sguardo attento ai valori del territorio, dell'ambiente, di una cultura rispettosa dell'incontro tra uomo e natura. Ne esce un messaggio di spontaneità, di leggerezza e simpatia che dall'esterno si trasferisce sui due protagonisti legati da forte amicizia intesa come comprensione e reciproco aiuto. Una musica della memoria, una professione che diventa 'mestiere', ossia capacità di essere cantanti per trasmettere qualcosa di serio e importante. Un bel prodotto che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come raccomandabile e nell'insieme poetico. UTILIZZAZIONE: più che in programmazione ordinaria, il film è da proporre in occasioni mirate come esempio eccellente di fusione tra cinema/musica/società, come scoperta di nomi e brani poco noti, come possibilità di operare una distinzione tra forme musicali diverse tra loro.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film