GRAZIE, SIGNORA THATCHER

Valutazione
Accettabile-riserve, ambiguità
Tematica
Lavoro
Genere
Commedia
Regia
Mark Herman
Durata
105'
Anno di uscita
1998
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
BRASSED OFF
Distribuzione
Bim Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Mark HermanMark Herman
Musiche
Trevor Jones
Montaggio
Michael Ellis

Sogg e Scenegg.: Mark Herman - Fotogr.: (Panoramica/a colori) Andy Collins - Mus.: Trevor Jones - Montagg.: Michael Ellis - Dur.: 105' - Produz.: Steve Abbott

Interpreti e ruoli

Pete Postlethwaite (Danny), Tara Fitzgerald (Gloria), Ewan Mc Gregor (Andy), Jim Carter (Harry), Philip Jackson (Jim), Peter Martin (Ernie), Stephen Tompkinson (Phil), Sue Johnston (Vera), Mary Healey (Ida), Lill Roughley (Rita), Melanie Hill (Sandra), Peter Gunn . (Simmo)

Soggetto

In Inghilterra, nella regione dello Yorkshire nel 1989, l’ondata di chiusura delle miniere produce effetti devastanti tra le persone e le famiglie dei piccoli centri. La Grimley Colliery Band, dove suonano molti minatori, ha una tradizione ormai centenaria e diventa il baluardo della comunità. Il suo leader, Danny, minatore in pensione, ne ha fatto una ragione di vita, molti dei componenti, ormai disoccupati, non riescono a condividere questo entusiasmo e pensano di abbandonare. Un giorno torna in paese la giovane Gloria, nipote di Danny e primo amore di Andy, uno dei musicisti. Gloria si unisce alla banda e tra tutti torna l’entusiasmo. L’ammirazione nei suoi confronti viene però meno quando scoprono che in realtà lavora per il British Coal, l’organismo che deve decidere la chiusura definitiva delle miniere. Intanto la banda partecipa ad una gara nazionale, vince le fasi eliminatorie, torna trionfante dalle semifinali, ma i problemi si aggravano: Phil, il figlio di Danny, ha perso tutto, lavoro, famiglia, e anche il padre, malato in seguito al lavoro in miniera, viene ricoverato in ospedale per una grave malattia. Quando stanno per rinunciare alle finali nazionali a Londra, ricevono un aiuto inatteso, partono per la capitale e vincono il primo premio. Sono raggiunti da Danny, scappato dall’ospedale, che al momento della premiazione, fa un discorso in cui dice ad alta voce le loro terribili difficoltà di vita.

Valutazione Pastorale

commedia di stampo sociale, che si muove nella scia del cinema di contestazione inglese, di cui è capostipite Ken Loach. I fatti sono tutti veri, la grave crisi sociale che ha colpito negli anni passati l’Inghilterra ha lasciato sicuramente ferite profonde nelle persone e nella gestione del territorio, ma l’apparato realistico del film ben presto scompare, sopravanzato e verso il finale quasi annullato da un impianto a tesi, unidirezionale, ideologico, condito da compiaciuti sapori melodrammatici, da una leziosa voglia declamatoria, didascalica, così insistita da risultare alla fine falsa. Dal punto di vista pastorale, evidenziate alcune riserve per situazioni un po’ tirate via, resta positiva l’attenzione che il film pone sul problema “lavoro”, pur tra ambiguità sparse lungo tutto la vicenda. Utilizzazione: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ma la sua più giusta collocazione sembra quella di occasioni più mirate, in cui sia possibile aprire una riflessione più ampia su tematiche al livello europeo, quali giovani, lavoro, disoccupazione, senso della tradizione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film