GUAI IN FAMIGLIA (PAESANI)

Valutazione
Discutibile, Brillante
Tematica
Genere
Farsesco
Regia
Ted Kotcheff
Durata
101'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
FOLKS
Distribuzione
Penta Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Robert Klane
Musiche
Michael Colombier
Montaggio
Joan e Chapman

Sogg. e Scenegg.: Robert Klane - Fotogr.: (normale/a colori) Larry Pizer - Mus.: Michael Colombier - Montagg.: Joan e Chapman - Dur.: 101' - Produz.: Malcom R. Harding, Victor Drai

Interpreti e ruoli

Tom Selleck (Jon Aldrich), Don Ameche (Marry Aldrich), Anne Jackson (Mildred Aldrich), Christine Ebersole (Arlene Aldrich), Wendy Crewson (Audrey Aldrich), Robert Pastorelli (Fred), Michael Murphy (Ed), Kevin Timothy Chevalia, Margaret Murphy, Joseph Miller, T. J. Parish, John Mc Cormack

Soggetto

Jon Aldrich, agente di borsa a Chicago, vive felice in una bella casa con l'amata moglie Audrey e i due deliziosi bambini, Maggie e Kevin, quando una notte una telefonata lo chiama urgentemente in Florida, dove l'anziana madre che egli non vede da tempo, sta per subire un'operazione, per la quale occorre la sua firma di autorizzazione. Intanto il collega Ed, che egli crede suo amico, ma in realtà appartiene all'F.B.I., ha gravi sospetti su di lui per truffa, e approfitta della sua assenza, per approfondire le indagini. Quando la madre è fuori pericolo, Jon va a cercare il vecchio padre, Harry, che non ha incontrato da anni, e che trova in preda alla demenza senile. Da quel momento per Jon la tranquillità è finita: Harry, cucinando, dà fuoco alla casa, e così i due anziani coniugi si trovano senza alloggio. Poiché la figlia Arlene non vuole interessarsi di loro, Jon è costretto a portarseli nella propria casa a Chicago, dove Harry provoca una tale serie di guai, che Audrey abbandona coi piccoli il tetto coniugale. Intanto a Jon sempre a causa di suo padre capitano un'infinità di infortuni; e inoltre l'infido amico Ed, convinto della sua colpevolezza, gli fa perdere il lavoro, gli fa bloccare il conto in banca e le carte di credito, e, in ultimo, chi fa vuotare completamente la casa, sia di mobili, che di quadri. Proprio in quei giorni la cattiva sorella Arlene, donna completamente priva di moralità, e venuta ad istallarsi presso Jon, con i suoi due pestiferi figli. I vecchi genitori sono addolorati nel vedere quanto soffre Jon per causa loro, e vogliono morire, per liberarlo: Arlene è subito d'accordo su questa decisione, e, sul principio, anche il fratello sembra lasciarsi convincere, ma poi il suo sincero amore per i genitori vince, ed egli si affanna a salvarli. Intanto Ed si è pienamente convinto dell'onestà di Jon, e si è innamorato di Arlene, che ha deciso di sposare, mettendo però i terribili marmocchi in un collegio militare. Audrey torna poi a casa coi bambini e decide col marito di tenere i nonni ad abitare con loro e tutti i suoi averi, e, per colmo di felicità, vengono ritrovate alcune azioni comperate da Harry tanto tempo prima, e che ora valgono un patrimonio.

Valutazione Pastorale

questa farsa rientra nel genere, assai in voga oggi negli Stati Uniti, di un rilancio della famiglia e dei suoi valori. Dice, infatti, che, se si è buoni coi vecchi genitori, si avrà poi tanta fortuna. Ma il lavoro complessivamente non è riuscito, sia perché molto superficiale, sia, soprattutto, per la mancanza di un valido protagonista, essendo Tom Selleck assolutamente incapace della spiritosa leggerezza, che il ruolo richiederebbe. Bravissimo, invece, Don Ameche nella parte del vecchio padre svampito. Nuocciono al film alcune grossolanità.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film