HOLY WATER

Valutazione
Futile, grossolanità
Tematica
Amicizia, Lavoro, Sessualità
Genere
Commedia
Regia
Tom Reeve
Durata
93'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Gran Bretagna
Distribuzione
Mediterranea Distribuzione
Musiche
Tom Batoy, Franco Tortora
Montaggio
Sean Barton, Adrian Murray

Orig.: Gran Bretagna (2009) - Sogg. e scenegg.: Michael O'Mahoney, Caroline 0' Meara, Tom Reeve - Fotogr.(Panoramica/a colori): Joost Van Starrenburg - Mus.: Tom Batoy, Franco Tortora - Montagg.: Sean Barton, Adrian Murray - Dur.: 93' - Produz.: Nick Napier Bell, Duncan Napier Bell, Roman Schroeder, Frank Konigsberg.

Interpreti e ruoli

John Lynch (Tom 'Gaffer' Gaffney), Cornelius Clarke (Podger Byrnes), Lochlann O' Mearan (Donal O'Connell), Cian Barry (Sean Casey), Susan Lynch (Geraldine Gaffney), Tommy 'Tiny' Lister (Sixpac Jordan), Linda Hamilton (Cory Williams), Deirdre Mullins (Kate Mulvey), Stanley Townsend (ispettore Brian Hogan), Angeline Ball (Anne Mooney), Lisa Catara . (Kimberly)

Soggetto

A Killcoulin's Leap, minuscolo villaggio irlandese, la vita scorre piatta e senza sorprese. Per sconfiggere la noia, quattro amici scapoli organizzano un piano per recuperare denaro e fuggire lontano. Si tratta di rapinare un carico di Viagra per rivenderlo sulla piazza di Amsterdam. A furto avvenuto, capiscono che la merce ha un valore commerciale enorme, ed ecco arrivare nel paesino una squadra di investigatori americani ad affiancare la polizia locale. I quattro maldestri nascondono il bottino all'interno di un pozzo dal quale sgorga acqua ritenuta 'sacra'. Ne derivano conseguenze imprevedibili, fino al momento della cattura degli sprovveduti rapinatori.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una storiellina a metà tra ritratto d'ambiente e costruzione grottesca dei personaggi. La scelta di derubare quel particolare prodotto é funzionale al luogo (il paesino è cattolico e il parroco è personaggio in vista) e quindi alle reazioni che vi si scatenano. Non mancano momenti simpatici anche se prevalente resta una certa prevedibiltià del racconto, forse un po' troppo esagitato nel disegnare le reazioni al 'farmaco'. Ne deriva un copione di poche pretese, che tuttavia spreca la possibilità di indagare in modo efficace nella noia quotidiana e nel torpore di quei luoghi quasi abbandonati. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come futile e caratterizzato da grossolanità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendone presenti i limiti sopra indicati. Qualche attenzione pet i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film