I LOVE SHOPPING

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro, Famiglia - genitori figli, Lavoro
Genere
Commedia
Regia
P.J.Hogan
Durata
105'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Confession of a Shopaholic
Distribuzione
Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Tracey Jackson, Tim Firth, Kayla Alpert tratto dai romanzi "I Love shopping" e "I love shopping a New York" di Sophie Kinsella
Musiche
James Newton Howard
Montaggio
William Goldenberg

Orig.: Stati Uniti (2008) - Sogg.: tratto dai romanzi "I Love shopping" e "I love shopping a New York" di Sophie Kinsella - Scenegg.: Tracey Jackson, Tim Firth, Kayla Alpert - Fotogr.(Scope/a colori): Jo Willems - Mus.: James Newton Howard - Montagg.: William Goldenberg - Dur.: 105' - Produz.: Jerry Bruckheimer.

Interpreti e ruoli

Isla Fisher (Rebecca Bloomwood), Hugh Dancy . (Luke Brandon), Joan Cusack (Jane Bloomwood), John Goodman (Graham Bloomwood), John Lithgow (Edgar West), Kristin Scott-Thomas (Alette Naylor), Leslie Bibb (Alicia Billington), Fred Armisen (Ryan Koenig), Julie Hagerty (Hayley), Christine Ebersole (Martha Lockyear)

Soggetto

A New York la giovane Rebecca vorrebbe unire la sua mania per lo shopping al lavoro di giornalista nella sua rivista preferita. Riesce però solo ad ottenere un incarico nel giornale economico della stessa casa editrice. La frenesia degli acquisti porta Rebecca in mezzo a molti guai, per togliersi dai quali non basta l'intervento delle sue amiche. Quando sembra troppo tardi, Rebecca trova la comprensione e il sostegno di Luke, il direttore della rivista di economia. Tra i due nasce un sentimento, che Rebecca capisce essere sincero. Ma, mentre si baciano, il suo sguardo va verso la vetrina vicina, piena di abiti eleganti.

Valutazione Pastorale

I primi due dei cinque romanzi scritti da Sophie Kinsella con al centro la figura di Rebecca Bloomwood hanno trovato facilmente la via della versione cinematografica. Si prestano infatti molto bene a fotografare in Rebecca il prototipo di una ragazza di oggi, contesa tra la mania degli acquisti (ma solo nel settore dell'abbigliamento) e la necessità di fare quadrare i conti dei soldi (pochi) derivanti dal lavoro. La competitività, la scalata al successo professionale, l'ammirazione per chi ce l'ha fatta sono temi che si mescolano tra le pieghe di un copione che non manca di accenni realistici (la 'malattia' esiste davvero) ma che tutto risolve sul filo della favola, con finale romantico ma non troppo. I vari livelli sono ben miscelati, il racconto è più attento ai personaggi che ai loro comportamenti e tocca quella direzione narrativa nella quale non ci si annoia pur sapendo bene come andrà a finire. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e del tutto semplice.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e in seguito come proposta di prodotto leggero ma non privo di riferimenti al quotidiano. Qualche attenzione é da tenere per i piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV