IL CASO DELL’INFEDELE KLARA

Valutazione
Complesso, Problematico
Tematica
Letteratura, Psicologia
Genere
Drammatico
Regia
Roberto Faenza
Durata
90'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Roberto Faenza, Maite Carpio, Marzio Casa Roberto Faenza, liberamente ispirato all'omonimo romanzo di Michael Viewegh
Musiche
Giovanni Venosta
Montaggio
Massimo Fiocchi

Orig.: Italia (2009) - Sogg.: Roberto Faenza, liberamente ispirato all'omonimo romanzo di Michael Viewegh - Scenegg.: Roberto Faenza, Maite Carpio, Marzio Casa - Fotogr.(Scope/a colori): Maurizio Calvesi - Mus.: Giovanni Venosta - Montagg.: Massimo Fiocchi - Dur.: 90' - Produz.: Elda Ferri.

Interpreti e ruoli

Claudio Santamaria (Luca), Iain Glen (Denis), Laura Chiatti (Klara), Kierston Wareing (Nina), Paulina Nemcova (Ruth), Miroslav Simunek (Pavel), Yemi Dele Akinyemi (Matros), Dorota Nvotova (Sandra), Ana Geislerova (prof.ssa Smidt), Adriano Wajskoi (il detective), Zuzana Fialova (la detective), Sabina Began (guida a Venezia), Matya Valenta . (il piccolo Matyas)

Soggetto

A Praga Luca, musicista italiano, vive una incontrollabile gelosia per la fidanzata Klara, studentessa di storia dell'arte vicina alla laurea. Si affida allora ad un detective, Denis, il quale per non tormentarlo, gli nasconde alcuni indizi che ritiene non importanti. Luca e Denis entrano in confidenza e tra loro scatta un gioco delle parti molto sottile. In occasione di un viaggio di Klara a Venezia, Luca chiede a Denis di unirsi al gruppo per sorvegliarla. Ma al ritorno le cose sono ancora più complicate. All'improvviso tuttavia Luca sembra essere guarito e decide di sposare Klara. Poco dopo il matrimonio tuttavia eccolo presentarsi ad un altro detective sotto le finte spoglie di un giornalista che conduce un'indagine sulla gelosia.

Valutazione Pastorale

Dice bene Faenza quando afferma che "il tema della passione d'amore e della gelosia divorante ricorre in molti miei film, per esempio nei più recenti, da 'Prendimi l'anima' a 'I giorni dell'abbandono'. Al sentimento della gelosia, quando ossessivo, spesso si accompagna l'incapacità di amare...". Certo é che la gelosia non ha età ed é trasversale a tutte le zone geografiche possibili. Così qui siamo a Praga (alla base c'è il romanzo di uno scrittore céco), si è girato in lingua inglese, si parla italiano. E l'argomento é ben presente, visto da più angolazioni, trattato sotto molte sfumature. Ancora una volta Faenza svolge bene il compito che si é prefisso, puntuale nella descrizione degli ambienti, preciso nelle scansioni narrative. Manca, come già in altre occasioni, la necessaria partecipazione, é assente quel margine di convinzione che fa andare d'accordo il tono drammatico, prevalente, con quello leggero e, magari, ironico. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come complesso, e comunque problematico.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria con attenzione per la presenza di minori e piccoli. Stessa cura é da tenere in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film