IL GIORNO + BELLO

Valutazione
Discutibile, problematico
Tematica
Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Massimo Cappelli
Durata
90'
Anno di uscita
2006
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
CDE / Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Massimo Cappelli, Chiara Laudani Massimo Cappelli
Musiche
Giuliano Tavani
Montaggio
Fabio Nunziata

Orig.: Italia (2006) - Sogg.: Massimo Cappelli - Scenegg.: Massimo Cappelli, Chiara Laudani - Fotogr.(Panoramica/a colori): Raoul Torresi - Mus.: Giuliano Tavani - Montagg.: Fabio Nunziata - Dur.: 90' - Produz.: Amedeo Bacigalupo per Nuvola Film

Interpreti e ruoli

Violante Placido (Nina), Fabio Troiano (Leo), Carla Signoris (madre di Nina), Shel Shapiro (padre di Nina), Patrizia Loreti (madre di Leo), Sergio Di Giulio (padre di Leo), Marco Giuliani (Ulisse), Max Bruno (Marco), Giuseppe Antignati (Renato), Enrico Salimbeni (Franco), Giorgio Colangeli (frate Tito), Corinna Lo Castro . ( il parroco), Marco Manetti (Giuditta), Ariella Reggio (filmaker), Luce Caponegro (il capo ufficio), Claudia Zanella (Pamela), (Alice)

Soggetto

Dopo tre anni di convivenza, Nina all'improvviso chiede a Leo di sposarla. Dopo il primo attimo di sorpresa, Leo accetta, purché venga evitato il matrimonio tradizionale. I due sono d'accordo, ma quando il meccanismo si mette in moto ( entrano in ballo i rispettivi genitori), tutte le buone intenzioni naufragano. Leo e Nina seguono il percorso di tutte le coppie, con corso prematrimoniale, addio al celibato, abito bianco per lei, brindisi, bacio. All'aeroporto, al momento di partire per il viaggio di nozze, Nina chiarisce a Leo l'equivoco. Quella sera lei gli aveva non "ci sposiamo ?" ma "ci spostiamo". E' stato quindi lui a capire male.

Valutazione Pastorale

Un tema importante, quello del matrimonio, soprattutto per le generazioni cresciute nella confusione e nella disgregazione dei punti di riferimento. Il copione è esile, qua e là fin troppo epidermico, lo spunto sembra servire solo a disegnare uan carrellata di figurine più macchiette che personaggi autentici. Tra molti passaggi sopra le righe e l'assenza di una prospettiva esistenziale, il racconto si trascina verso il finale con lo scioglimento di un equivoco che sembra rimettere tutto in discussione, ma forse é stato anche provvidenziale. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come discutibile, e problematico per l'atteggiamento che suggerisce nei confronti del tema centrale. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, con qualche attenzione per i più piccoli, da tenere anche in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film