IL MIO GROSSO, GRASSO MATRIMONIO GRECO

Valutazione
Accettabile, brillante
Tematica
Donna, Famiglia, Rapporto tra culture
Genere
Commedia
Regia
Joel Zwick
Durata
94'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
My big fat greek wedding
Distribuzione
Nexo
Musiche
Chris Wilson
Montaggio
Mia Goldman

Orig.: Stati Uniti (2002) - Sogg. e scenegg.: Nia Vardalos dal proprio, omonimo lavoro teatrale - Fotogr.(Panoramica/a colori): Jeffrey Jur - Mus.: Chris Wilson - Montagg.: Mia Goldman - Dur.: 94' - Produz.: Rita Wilson, Tom Hanks, Gary Goetzman.

Interpreti e ruoli

Nia Vardalos (Toula), Michael Constantine (Gus), Lainie Kazan (Maria), John Corbett (Ian Miller), Andrea Martin (Voula)

Soggetto

Toula vive a Chicago e lavora nel ristorante di famiglia, chiamato "Dancing Zorba's". Il nome rivela che i genitori e tutti i parenti vengono dalla Grecia. Toula ha trenta anni e sente che fra poco dovrà rinuciare all'idea di sposarsi e di avere una vita propria. L'ostacolo è dato dal fatto che la tradizione vuole che una greca debba per forza prendere in marito un altro greco. E Gus, il padre di Toula, è fortemente intenzionato a rispettare la tradizione. Toula però, con grande volontà, decide di provare a rendersi indipendente. Cambia aspetto, apre un'agenzia di viaggi e qui, un giorno, capita Ian, professore quarantenne, bello e scapolo. I due si innamorano e si fidanzano. Il padre non approva, si oppone con decisione, si dispera, urla, ma alla fine si convince. Il matrimonio si farà, purchè in perfetto stile 'greco'. Ian si sottopone a tutte le richieste, tra cui quella di farsi battezzare secondo il rito greco-ortodosso. I due genitori di Ian si trovano soli di fronte alla marea infinita del parentado greco. Ma tutto si sistema. La coppia dei neosposi va ad abitare nella casa regalata da Gus, in pratica attaccata a quella della famiglia. Ora Toula ha una figlia di sei anni, che va a scuola e si appresta forse a ripetere tutte le 'imprese' della madre.

Valutazione Pastorale

La favola di Cenerentola non tramonta mai: basta aggiornarla con i giusti ingredienti. Il dosaggio stavolta è ben riuscito a Nia Vardalos (greca di origini ma in realtà nata in Canada), sposatasi nella vita con un attore americano, pronta ad affidare queste sue esperienze ad un testo teatrale andato in scena a Los Angeles e notato da Rita Wilson, anch'essa greco-americana nonchè moglie di Tom Hanks. I fatti, in questo caso, hanno compiuto il percorso inverso e dalla realtà sono tornati indietro alla finzione, prima teatrale ora cinematografica. Non c'è dubbio che l'operazione funzioni. Nello scontro socio-culturale tra il padre chiuso nel suo mondo lontano e la ragazza che vuole superare i vincoli, si sta tutti dalla parte di lei e si fa il tifo perchè il matrimonio si faccia. Il lieto fine arriva, preciso, calcolato, perfetto, senza sbavature. E mentre sotto sotto passa un plauso alla società statunitense capace di accogliere e rispettare l'identità di tutti, si ride con la galleria di personaggi un po' sopra le righe e si pensa a qualche possibile momento di identificazione trascorso a livello personale. Film leggero e aggraziato che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come accettabile, e senz'altro brillante. UTILIZZAZIONE:il film è da utilizzare soprattutto in programmazione ordinaria e come simpatico passatempo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film