Il principe dimenticato

Valutazione
Consigliabile, Semplice, Adatto per dibattiti
Tematica
Adolescenza, Amore-Sentimenti, Famiglia - genitori figli
Genere
Avventura, Commedia
Regia
Michel Hazanavicius
Durata
101'
Anno di uscita
2020
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
Le prince oublié
Distribuzione
01 Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Michel Hazanavicius, Bruno Merle
Fotografia
Guillaume Schiffman
Musiche
Howard Shore
Montaggio
Anne-Sophie Bion
Produzione
Jonathan Blumenthal, Philippe Rousselet, Daniel Delume, Fabrice Delville, Christophe Toulemonde, Patrick Vandenbosch, Nicolas Dumont, Ardavan Safaee

Interpreti e ruoli

Omar Sy (Djibi), Berenice Bejo (La vicina/la donna alla porta), Francois Damiens (Pritprout), Sarah Gaye (Sofia a 12 anni), Keyla Fala (Sofian a 7 anni /la principessa), Neotis Ronzon (Max)

Soggetto

Djibi vive con la figlia di sette anni, Sofia, per la quale ogni sera inventa una favola della buonanotte, ambientata nel fantastico mondo di "Storyland", in cui Djibi si trasforma nel coraggioso Principe Azzurro. Ma gli anni passano, Sofia è ormai un’adolescente proiettata nel futuro e Djibi non è più il suo principe azzurro….

Valutazione Pastorale

Michel Hazanavicius, regista e sceneggiatore francese classe 1967, ha trovato un grande consenso internazionale con il film “The Artist” nel 2011, protagonista al 64° Festival di Cannes e vincitore di numerosi premi tra cui 5 Oscar nel 2012 (film, regia, attore protagonista Jean Dujardin, costumi e colonna sonora). Ora è disponibile in anteprima sulla piattaforma Prime Video di Amazon la commedia family “Il principe dimenticato” (“Le prince oublié”, 2020), non uscito in sala a causa del Covid-19. “Il principe dimenticato”, con Omar Sy e Bérénice Bejo, è il racconto del rapporto tra genitori-figli, quello tra un papà (Omar Sy) e una figlia piccola, Sofia. Tra loro c’è intesa, gioco e condivisione, soprattutto nel momento della favola della buonanotte; e la favola fa incursione nella realtà, regalando simpatici raccordi onirici. Crescendo Sofia inizia però a stancarsi di questi racconti fantastici, attratta dalle passioni tipiche degli adolescenti. E così il rapporto padre-figlia sembra vacillare. È senza dubbio interessante la proposta di Hazanavicius, che si cimenta ogni volta con un terreno narrativo diverso; qui si mette in gioco con la commedia brillante a sfondo onirico, pensata per un pubblico familiare. Omar Sy sostiene con grande energia il racconto, impersonando un trascinante papà dai contorni eroici (appunto il principe delle fiabe). Un film colorato, curioso, ma non sempre calibrato o compatto nella linea del racconto. Un buon prodotto comunque per una visione in famiglia. Dal punto di vista pastorale è da valutare come consigliabile, semplice e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria ed è particolarmente adatto ad una visione familiare anche come opportunità per discutere sul rapporto genitori-figli e sui problemi legati all’adolescenza e alla crescita.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film