Il principe cerca figlio

Valutazione
Consigliabile, Segnato da superficialità, Semplice
Tematica
Amicizia, Dialogo, Donna, Famiglia, Famiglia - fratelli sorelle, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia, Politica-Società
Genere
Commedia
Regia
Craig Brewer
Durata
110'
Anno di uscita
2021
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Coming 2 America
Distribuzione
Prime Video
Soggetto e Sceneggiatura
Soggetto: Eddie Murphy, Barry W. Blaustein, David Sheffield e Justin Kanew. Sceneggiatura: Kenya Barris, Barry W. Blaustein, David Sheffield
Fotografia
Joe 'Jody' Williams
Musiche
Jermaine Stegall
Montaggio
David S. Clark, Billy Fox, Debra Neil-Fisher
Produzione
Kevin Misher, Eddie Murphy, Bradley J. Fischer, Michele Imperato, Brian Oliver. Casa di produzione: Eddie Murphy Productions, Misher Films, New Republic Pictures, Paramount Pictures

Il film è in distribuzione sulla piattaforma Prime Video

Interpreti e ruoli

Eddie Murphy (Akeem, Clarence, Randy, Saul), Arsenio Hall (Semmi, Morris, reverendo Brown, Baba), Shari Headley (Lisa), James Earl Jones (re Joffy Joffer), Jermaine Fowle (Lavelle Junson), Leslie Jones (Mary Junson), Wesley Snipes (generale Izzi), Teyana Taylor (Bopoto Izzi), Kiki Layne (Meeka Joffer), Bella Murphy (Omma Joffer), Akiley Love (Tinashe Joffer), John Amos (Cleo McDowell), Louie Anderson (Maurice), Morgan Freeman (se stesso)

Soggetto

Il principe Akeem è divenuto ormai re e siede sul trono di Zamunda con la moglie Lisa e le tre figlie. Non avendo un erede maschio, viene continuamente minacciato dalle mire del generale Izzi. Akeem decide allora di tornare insieme al fidato amico Semmi a New York, nel Queens, mettendosi alla ricerca del suo primo figlio concepito trent'anni prima...

Valutazione Pastorale

Uscito a fine anni ’80 “Il principe cerca moglie”, firmato dal mitico John Landis – tra le sue opere basta richiamare solo due titoli: “The Blues Brothers” (1980) e il videoclip di “Thriller” (1983) di Michael Jackson – e con un Eddie Murphy nel momento d’oro, è diventato subito un cult movie che valica steccati generazionali. Su Prime Video da marzo 2021 c’è l’atteso seguito, “Il principe cerca figlio” (“Coming 2 America”), che giunge a oltre trent’anni di distanza. “Il principe cerca moglie” (“Coming to America”, 1988) è uno di quei film degli anni ’80 che si vedono di continuo, entrato nell’immaginario comune come un cult di matrice comica. Si tratta di uno di quei film “sempreverdi” usati a rotazione nella programmazione della Tv lineare come attira pubblico. Come “Il principe cerca moglie” possiamo citare infatti dello stesso decennio capolavori come “I Goonies” (1985), “Una poltrona per due” (1983, sempre di Landis), “Dirty Dancing” (1987), non dimenticando di certo la saga “Indiana Jones” di Steven Spielberg. Poi il decennio si è chiuso con il botto, con due titoli ad alto tasso di romanticismo come “Pretty Woman” (1990) e “Ghost” (1990). Insomma, provare a fare il bis del “Principe cerca moglie” era impresa assai complicata. Negli ultimi anni il progetto però ha preso piede, forte della presenza di Eddie Murphy (nel ruolo del principe Akeem, come pure di molti personaggi secondari in un riuscito gioco imitativo) e della spalla comica Arsenio Hall (l’amico fraterno Sammi). Piano piano il cast originario si è ricomposto quasi tutto: hanno detto sì infatti Shari Headley (Lisa, la donna amata da Akeem), James Earl Jones (re Joffy Joffer), John Amos (l’imprenditore Cleo McDowell) o interpreti di personaggi più periferici come Louie Anderson (Maurice). Il film “Il principe cerca figlio” (“Coming 2 America”) con la regia di Craig Brewer – che ha lavorato già con Murphy nel 2019 in “Dolemite Is My Name” – è uscito su Prime Video nel 2021. E con un mix di emozioni allora ci si accosta al film: si avverte infatti una certo gioia nel partecipare a una rimpatriata tra “amici”, e nel contempo è forte il timore di vedere rovinato un cult… E allora diciamolo subito, senza troppi giri di parole: la cosa più riuscita è indubbiamente l’operazione reunion degli attori. Ci sono praticamente quasi tutti, e questo suscita non poca emozione, cogliendo i segni del tempo sui loro volti, squadernando così la fantasia sull’evoluzione delle singole storie nei decenni. Per il resto, purtroppo, il film si spiaggia nelle secche di una banalità quasi imbarazzante. La cosa che più lascia interdetti è vedere una struttura narrativa così fragile e incerta, per non dire buttata via senza grande slancio di creatività o desiderio di approfondimento. Se gli interpreti non perdono smalto, anzi, è il racconto che dunque deraglia. Non si tratta solo di un revival poco originale, è sconfortante difatti vedere un prodotto con delle potenzialità accontentarsi di una comicità di respiro corto e non poco gratuita, segnata da volgarità (non a caso la piattaforma Prima Video indica la visione per un pubblico dai 13 anni in su). Nel complesso, dal punto di vista pastorale il film “Il principe cerca figlio” è da valutare come consigliabile-semplice, segnato da superficialità.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare con attenzione ai minori di 13 anni, come segnala la piattaforma Prime Video. La struttura narrativa nel complesso è semplice, ma la comicità verbale-visiva in alcuni passaggi appare grossolana, dunque problematica.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film