IL VINCENTE

Valutazione
Complesso, problematico
Tematica
Famiglia - genitori figli, Giovani, Musica
Genere
Drammatico
Regia
Luca Magri
Durata
90'
Anno di uscita
2016
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Antonio Amoretti
Soggetto e Sceneggiatura
Luca Magri, Michele Buttarelli, Antonio Amoretti Chiara Agostini, Luca Magri
Musiche
brani di autori vari
Montaggio
Buono Pellegrini

Orig.: Italia (2015) - Sogg.: Chiara Agostini, Luca Magri - Scenegg.: Luca Magri, Michele Buttarelli, Antonio Amoretti - Fotogr.(Panoramica/B&N): Raoul Torresi - Mus.: brani di autori vari - Montagg.: Buono Pellegrini - Dur.: 90' - Produz.: Antonio Amoretti, Pietro Corradi per Avila Entertainment srl.

Interpreti e ruoli

Luca Magri (Antonio), Maria Celeste Sellitto (Dalia), Michele Buttarelli (Rocco), Marco Iannitello (Gabriele), Nina Torresi (psicologa), Adriano Guareschi (Marcello), Paolo Rossini (Michele), Giulia Bertinelli (Carmen), Francesco Silva . (Oscar)

Soggetto

Giovane scapolo benestante, Antonio vive a Parma, conduce una vita all'insegna di amicizia e divertimento, e soprattutto ama il gioco d'azzardo. Il poker è il suo passatempo preferito, frequentato con un piacere che sfiora la malattia. Al punto che il padre, da Roma dove lavora, stanco di inviargli a vuoto l'assegno mensile, lo costringe a partecipare a un gruppo terapeutico e a trovarsi un lavoro...

Valutazione Pastorale

La parabola di Antonio, vitellone post moderno, inesorabilmente aggrappato al proprio dolce far niente, riempito solo dal brivido delle partite a poker, ha qualcosa di 'datato', una sorta di elegiaca sinfonia di ciò che poteva essere e non è stato. L'opera prima di Magri, attore e regista, ha un forte sapore che rimanda a Zurlini, sia nell'ambientazione sia nell'atteggiamento comportamentale vagamente 'maudit'. Il richiamo ai protagonisti de "La prima notte di quiete" (1972) è quasi sempre in agguato, e se le due vicende divergono è in virtù della scelta di Magri di stemperare il finale e di sottrarlo a scelte più estreme. La citazione del regista bolognese e l'utilizzo della fotografia in B&N accompagnano il film lungo tutti i suoi tormentati andirivieni. Più volte in procinto di smettere, Antonio ricasca nella schiavitù del gioco, al punto di perdere l'amore della bella Dalia e anche l'assegno del padre. Col quale avrà però un telefonata di pentimento (sincero?). "Il vincente" è una storia d'altri tempi, moderna per l'irrequieto nervosismo che scuote il protagonista, antica per il modo di impalpabile realismo che la sorregge. Magri supporta con vigore tutta l'impalcatura, facendo di Antonio una vittima predestinata dei giorni nostri, nei quali non c'è più spazio per una vita di tipo "d'annunziano". Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso e nell'insieme problematico.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito come occasione di confronto con un prodotto italiano 'piccolo' ma dalle intense sfumature.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film