IMMATURI – IL VIAGGIO

Valutazione
Consigliabile, superficialità
Tematica
Amicizia, Famiglia - genitori figli
Genere
Commedia
Regia
Paolo Genovese
Durata
100'
Anno di uscita
2012
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Andrea Guerra
Montaggio
Patrizio Marone

Orig.: Italia (2012) - Sogg. e scenegg.: Paolo Genovese - Fotogr.(Scope/a colori): Fabrizio Lucci - Mus.: Andrea Guerra - Montagg.: Patrizio Marone - Dur.: 100' - Produz.: Marco Belardi per Lotus Production, Medusa Film.

Interpreti e ruoli

Raoul Bova (Giorgio), Ricky Memphis (Lorenzo), Ambra Angiolini (Francesca), Paolo Kessisoglu (Virgilio), Anita Caprioli (Eleonora), Luca Bizzarri (Piero), Barbora Bobulova (Luisa), Luisa Ranieri (Marta), Maurizio Mattioli (Luigi), Giovanna Ralli (Iole), Lucia Ocone (Sonia), Alessandro Tiberi (Ivano), Aurora Cossio (Ina), Rocio Munoz (Anna), Francesca Valtorta (Gloria), Lavinia Longhi (Rita)

Soggetto

Il gruppo di amici, ritrovatosi inaspettatamente per ripetere l'esame di maturità, decide ora di organizzare quel viaggio in Grecia che non era stato realizzato venti anni prima. Gli otto arrivano all'isola di Paros, alcuni sono sposati o intenzionati a farlo, altri da soli pronti a cercare nuove storie. Equivoci e incomprensioni intervengono a turbare l'armonia, prima del finale in cui tutti recuperano la voglia di stare insieme.

Valutazione Pastorale

Era inevitabile che il grande successo al botteghino di "Immaturi" (2011, quasi 16 milioni di euro) generasse un 'seguito'. Eccolo, in tempi a dire il vero molto rapidi. Genovese è bravo a scrivere un copione tutto incentrato sui chiaroscuri dei rapporti sentimentali, anzi sul contrasto tra le storie 'scappa e fuggi' che spesso caratterizzano il clima vacanziero e l'affacciarsi della voglia di sentimenti più autentici e duraturi. L'amicizia poi, che lega i protagonisti, sembra scomparire di fronte a inattese difficoltà per riapparire nel finale quando se ne sente il bisogno. La storia è a orologeria, poggiata su un meccanismo collaudato senza sbavature, aiutato da una regia che svaria dalla cronaca spicciola allo spot turistico, con mare incantevole e tramonti mozzafiato. Gioie, dolori, malinconie, rimorsi, rimpianti: tutto impeccabile, scorrevole, con sprazzi di trasgressione e romanticismo. Un bel cocktail accattivante e suadente per un film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile. evidenziando anche le non poche superficialità di fondo.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e in successive occasioni, tenendo presente quanto segnalato sull'approccio alquanto 'leggerino' agli argomenti trattati (amicizia, famiglia, matrimonio...).

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film