IN GRAZIA DI DIO

Valutazione
Consigliabile, Problematico, dibattiti
Tematica
Donna, Ecologia, Famiglia, Lavoro, Matrimonio - coppia, Tematiche religiose
Genere
Drammatico
Regia
Edoardo Winspeare
Durata
123'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Good Films
Musiche
Gabriele Rampino
Montaggio
Andrea Facchini

Orig.: Italia (2014) - Sogg. e scengg.: Edoardo Winspeare e Alessandro Valenti - Fotogr.(Scope/a colori): Michele D'Attanasio - Mus.: Gabriele Rampino - Montagg.: Andrea Facchini - Dur.: 123' - Produz.: Edoardo Winspeare, Gustavo Caputo, Alessandro Contessa per Saietta Film con RAI Cinema.

Interpreti e ruoli

Celeste Casciaro . (Adele), Laura Licchetta (Ina), Gustavo Caputo (Stefano), Anna Boccadamo (Salvatrice), Barbara De Matteis (Maria Concetta), Amerigo Russo (Vito), Angelico Ferrarese (Cosimo), Antonio Carluccio (Crocifisso)

Soggetto

In seguito al fallimento della piccola impresa a conduzione familiare, travolta dalla generale crisi economica, quattro donne decidono di lasciare la città e rifugiarsi in campagna. Qui, dopo lo scetticismo iniziale, si accorgono che il lavoro della terra e il baratto dei prodotti permettono di raggiungere risutati concreti e diventano l'occasione per iniziare una nuova vita. La nonna, la figlia, due ragazze più giovani rappresentano tre generazioni che fanno grandi sforzi per adattarsi ad un imprevista quotidianità. Maria Concetta sente ostilità al proprio desiderio di fare l'attrice, mentre Ina confessa di essere incinta, scatenando reazioni feroci da parte della mamma Adele. Eppure ognuna di loro mette qualcosa di importante nella consapevolezza di essere "in grazia di Dio".

Valutazione Pastorale

Nella presentazione, Winspeare parte da alcuni dati conoscitivi che connotano la realizzazione. La storia è interamente girata nei luoghi familiari al regista, Giuliano di Lecce, Corsano, Tricase e altre località del Salento. Quello che era stato lo scenario di suoi titoli precedenti (Sangue vivo, Il miracolo, Galantuomini) torna con il supporto di una scelta che il regista sottolinea con forza: i quattro ruoli principali (tutti femminili) e gli altri di contorno sono affidati ad attori non professionisti. Se aggiungiamo che anche la terra è una coprotagonista, i riferimenti vengono naturali: Ermanno Olmi, La terra trema, il neorealismo. Le crisi, è vero, sono cicliche ma qualche differenza ci deve pure essere. Così il coraggio del copione è di essere comunque e con forza uno sguardo sul nostro tempo, sull'oggi, su una contemporaneità sfaldata e offesa. Winspeare allora cerca di creare una sovrapposizione tra passato e moderno, tra richiami alla tradizione e seduzioni facili. Due opposti tra i quali trova collocazione il senso religioso, la spiritualità come collante sociale, la preghiera come tesoro di memoria e luogo di riconciliazione. La terra come valore artistico perchè dà bellezza ai luoghi dove si lavora. E' fatto tutto di ostacoli, di curve questo apologo di Winspeare, che si conferma regista di forte sensibilità, di poetica concretezza, capace di ricercare un dialogo forse impossibile tra favola e realismo, utopia e cronaca, dolore e gioia del nucleo familiare. Immagini lucide, dai colori nitidi, talvolta sporchi, densi di verità per un film che, dal punto di vista pastorale, è ad valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programamzione ordinaria ein molte occasioni successive come prodotto italiano dalle spiccate sensibilità descrittive e pirituali.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film