LA CONIGLIETTA DI CASA

Valutazione
Inconsistente, banalità
Tematica
Amicizia, Donna
Genere
Commedia
Regia
Fred Wolf
Durata
97'
Anno di uscita
2008
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The House Bunny
Distribuzione
Sony Pictures Releasing Italia
Musiche
Waddy Wachtel
Montaggio
Debra Chiate

Orig.: Stati Uniti (2008) - Sogg. e scenegg.: Karen McCullah Lutz, Kirsten Smith - Fotogr.(Scope/a colori): Shelly Johnson - Mus.: Waddy Wachtel - Montagg.: Debra Chiate - Dur.: 97' - Produz.: Allen Covert, Jack Giarraputo, Heather Parry, Adam Sandler.

Interpreti e ruoli

Anna Faris (Shelley Darlingson), Colin Hanks (Oliver), Emma Stone (Natalie), Kat Dennings (Mona), Christopher McDonald (Dean Simmons), Beverly D'Angelo (sig.ra Hagstrom), Katharine McPhee (Harmony), Rumer Willis (Joanne), Dana Goodman (Carrie Mae), Kiely Williams (Lilly), Kimberly Makkouk (Tanya), Monet Mazur (Cassandra), Hugh Hefner . (se stesso)

Soggetto

Cacciata senza preavviso dalla Playboy Mansion, Shelley capita per caso tra le ragazze del collegio femminile Zeta Alpha Zeta. Saputo che saranno sfrattate se non trovano un numero sufficiente di iscrizioni, Shelley decide di aiutarle, trasformandole da ragazzine sbiadite a ragazze piene di fascino. Quando Hefner le telefona e si capisce che l'allontanamento era stata tutta una manovra di una coniglietta gelosa, Shelley si prepara subito a rientrare. Ma, dopo un po', di fronte alle difficoltà delle sue nuove amiche, capisce che ormai il suo posto é lì. E la Playboy Mansion può aspettare.

Valutazione Pastorale

Come si sa, la sunnominata Playboy Mansion esiste veramente, al pari di Hugh Hefner, il veterano editore della rivista Playboy. Serve a dire che un certo sfondo lungo il quale scorre la vicenda ha anche tratti realistici, del resto ben presto abbandonati per dare ampio spazio ad una storiella solamente commerciale, epidermica, tutta esteriore. Poco altro c'è da aggiungere, se non che, secondo la regola, non manca il finale tutto improntato all'amicizia e al sostegno reciproco. Ma con una tale esilità e poca convinzione che il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come inconsistente, e pieno di banalità.

Utilizzazione

Anche se l'utilizzazione sarebbe possibile, del film, per quanto detto sopra, si può tranquillamente fare a meno, sia in programmazione ordinaria che in altre occasioni. Attenzione é da tenere per i minori e i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film