LA MALA EDUCATION

Valutazione
Inaccettabile, morboso
Tematica
Bambini, Cinema nel cinema, Famiglia - genitori figli, Omosessualità
Genere
Drammatico
Regia
Pedro Almodovar
Durata
105'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Spagna
Titolo Originale
La mala education
Distribuzione
Warner Bros Italia
Musiche
Alberto Iglesias
Montaggio
José Salcedo

Orig.: Spagna (2004) - Sogg. e scenegg.: Pedro Almodovar - Fotogr.(Scope/a colori): José Luis Alcaline - Mus.: Alberto Iglesias - Montagg.: José Salcedo - Dur.: 105' - Produz.: Augustin Almodovar, Pedro Almodovar per El Deseo S.A. - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Gael Garcia Bernal (Juan/Zahara), Fele Martinez (Enrique Goded), Daniel Gimenez Cacho (padre Manolo), Leonor Watling (Monica), Javier Camara (Paca/Paquito), Petra Martinez (la madre), Francisco Boira (Ignacio), Juan Fernandez (Martin), Alberto Ferreiro . (Enrique Serrano)

Soggetto

In Spagna, nel 1980. Enrique, giovane ma già affermato regista di cinema, riceve l'inaspettata visita di Ignacio, suo ex compagno nel collegio cattolico frequentato da bambini. Ignacio ora fa l'attore e, prima di congedarsi, lascia ad Enrique un racconto da cui, a suo dire, si potrebbe trarre un bel film. E' il resoconto dell' adolescenza scolastica dei due, del sentimento scoccato tra loro, dei modi decisi di padre Manolo intervenuto prima per separarli, poi per espellere Enrique e così sedurre indisturbato Ignacio. Coinvolto da quelle pagine, Enrique decide di trarne un film. Quando sono sul set però l'ex padre Manolo, ora spretato, lo avvicina e gli rivela che quell'Ignacio è un impostore. Il vero Ignacio é morto e quel ragazzo é il fratello Juan, che lui Manolo aveva conosciuto appunto a casa di Ignacio e di cui subito si era perdutamente innamorato. Insieme, Manolo e Juan hanno progettato e eseguto l'omicidio di Ignacio. Deluso e irritato, Enrique caccia il falso Ignacio che aveva accolto nella propria casa, avendo con lui una breve relazione. Le didascalie finali si incaricano di informarci sui destini successivi dei protagonisti.

Valutazione Pastorale

Non basta presentare all'inizio un regista in crisi d'ispirazione e in cerca di idee sui giornali (sé stesso?) per mettere le mani avanti e dire di quello che seguirà solo che cosa "non é" ("Non é un regolamento di conti con i preti che mi hanno educato, né con il clero in genere; non é una riflessione sulla movida madrilena anni '80; non é una commedia né un musical per bambini" ha detto il regista). Sarebbe stato utile sapere anche che cosa voleva dire e fare l' Almodovar che in alcune occasioni ha irritato ma in altre, recenti, ha coinvolto per la sua capacità di mettere in immagini quella parte dei nostri sentimenti nascosta tra anima e ragione. Il cinema nel cinema, il melodramma, la donna maschera sotto la quale l'uomo si traveste e si nasconde: tutto evidente, tutto chiaro, tutto spiegato e in qualche momento avvolto da bello stile; ma purtroppo tutto detto con pericolosa indifferenza verso situazioni che collimano con la pedofilia. Nel tentativo di costruire un quadro d'ambiente in cui la 'mala education' é una presenza acquisita e inevitabile e il crimine diventa naturale sbocco di passioni incontrollabili, il racconto finisce col diventare solo un penoso resoconto di personaggi malati inseriti in contesti osservati con crescente complicità. A lungo andare l'assenza di una vera motivazione narrativa si fa sentire, e il gioco cinefilo di rinvii perde suggestione e si rovescia contro Almodovar stesso: mettendone in luce la carenza di misura, l'assenza di umanità per i protagonisti, l'intenzione di dare spazio solo alla propria libido esorbitante ed egoistica. Nell'accostarsi ai rapporti omosessuali il racconto esprime un totalizzante, esclusivo autocompiacimento, senza mai offrire un minimo spazio all'esistenza di un progetto educativo religioso ben diverso da quello descritto. Per tutti questi motivi il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come inaccettabile e nell'insieme morboso. UTILIZZAZIONE: il film é da escludere dalla programmazione ordinaria e da altri tipi di utilizzazione. Molta attenzione é da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film