L’ALBERO DEL MALE

Valutazione
Inaccettabile, Truculento
Tematica
Genere
Horror
Regia
William Friedkin
Durata
89'
Anno di uscita
1990
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE GUARDIAN
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Stephen Volk, Dan Greenburg, William Friedkin basato sul romanzo "The Nanny" di Dan Greenburg
Musiche
Jack Hues
Montaggio
Seth Flaum

Sogg.: basato sul romanzo "The Nanny" di Dan Greenburg - Scenegg.: Stephen Volk, Dan Greenburg, William Friedkin - Fotogr.: (panoramica/a colori) John A. Alonzo - Mus.: Jack Hues - Montagg.: Seth Flaum - Dur.: 89' - Produz.: Joe Wizan - Vietato ai minori degli anni 14

Interpreti e ruoli

Jenny Seagrove (Camilla), Dwier Brown (Phil), Carey Lowell (Kate), Brad Hall (Ned Runcie), Miguel Ferrer, Natalia Nogulich, Pamela Brull, Gary Swanson

Soggetto

un'affascinante donna si fa assumere come baby-sitter da coppie benestanti, dando false referenze e falso nome, e subito si dimostra molto abile nel lavoro e dolcissima coi bambini. La donna professa l'antico culto dei Druidi verso un grande albero abitato da potenti spiriti del male, e perciò, al momento opportuno, uccide le piccole creature affidatele, e ne offre il sangue alla sacra pianta come nutrimento. Scomparsa la giovane, e così pure ogni traccia delle vittime, i vari delitti restano sempre impuniti. Dopo molto tempo da questi fatti i giovani sposi Phil e Kate, che hanno appena avuto un bambino, Jaky, e si sono trasferiti presso Los Angeles in un villetta ai margini del bosco, decidono di assumere una baby-sitter, perchè la madre deve riprendere il proprio lavoro, e scelgono Camilla, che si presenta così bene e si mostra tanto efficiente. Mentre Phil è turbato sia dall'ambigua bellezza della donna che da orribili incubi in cui vede suo figlio sacrificato ad un albero stregato, Camilla è corteggiata dall'architetto Ned Runcie, amico degli sposi, ma lo respinge. Un giorno, mentre è sola nel bosco col bambino, la giovane viene assalita da tre bruti che vogliono violentarla e ucciderla, ma riesce a spingerli vicino al grande albero, che li ammazza, e ne chiude poi magicamente i cadaveri nel proprio tronco. In seguito Camilla fa morire anche Ned, ( che ha scoperto il suo orrendo segreto e vorrebbe avvertire Phil e la polizia), ne fa poi sparire il cadavere. Finalmente, persuaso dalla madre di una delle ultime vittime della strega e da altri indizi, Phil caccia la donna, che invece non vuole rinunciare a compiere il rito col puro sangue del bimbo. Mentre la polizia non crede agli strani racconti dei due sposi, Phil, esasperato si precipita nel bosco con una sega elettrica, con la quale comincia a tagliare a pezzi l'albero maledetto, dal quale sgorgano fiumi di sangue. Contemporaneamente Camilla è riapparsa nella villa e lotta selvaggiamente con Kate per impadronirsi del bambino. Mentire Phil sega l'albero nel bosco, Camilla subisce per magia le stesse mutilazioni sul suo corpo: poi sparisce. Riavuto il figlio sano salvo, e scomparsa la strega, Phil e Kate si sentono tranquilli, ma un grosso gufo dall'aria sinistra li sorveglia minaccioso da un albero.

Valutazione Pastorale

un vero film dell'orrore, per l'argomento dei sacrifici umani (specie di neonati), per le uccisioni feroci, che vengono mostrate, insieme ad arti tagliati, e sangue, che scorre a fiumi, anche dall'albero stregato. Il regista Friedkin, che è uno specialista del genere horror ha insistito con troppo realismo su molti elementi raccapriccianti della vicenda, mentre in altri momenti ha saputo invece rendere l'atmosfera di ambiguità e di misterioso terrore, che circonda la bella strega dall'apparenza dolce e sensuale. L'insieme del film non è equilibrato, nè convincente, malgrado la bravura e il fascino della protagonista, Jenny Seagrove, l'efficacia del commento musicale, della fotografia e di alcuni effetti speciali.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film