LO STRAORDINARIO VIAGGIO DI T.S. SPIVET

Valutazione
Consigliabile, poetico *
Tematica
Adolescenza, Avventura, Ecologia, Famiglia - genitori figli, Film per ragazzi, Letteratura
Genere
Commedia
Regia
Jeran Pierre Jeunet
Durata
105'
Anno di uscita
2015
Nazionalità
Canada, Francia
Distribuzione
Microcinema Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Scenegg : Jean Pierre Jeunet e Guillaume Laurant tratto dal libro "Le mappe dei miei sogni" di Reif Larsen
Musiche
Denis Sanacore
Montaggio
Hervé Schneid

Orig.: Francia/Canada (2014) - Sogg.: tratto dal libro "Le mappe dei miei sogni" di Reif Larsen - Scenegg (e adattamento): Jean Pierre Jeunet e Guillaume Laurant (Dialoghi: Guillaume Laurant) - Fotogr.(Scope/a colori): Thomas Hardmeier - Mus.: Denis Sanacore - Montagg.: Hervé Schneid - Dur.: 105' - Produz.: Frédéric Brillion, Gilles Legrand, Jean Pierre Jeunet, Suzanne Girard.

Interpreti e ruoli

Helena Bonham Carter (dott.ssa Clair), Kyle Catlett (la mamma), Callum Keith Rennie (T.S. Spivet), Judy Davis (il padre), Niamh Wilson (sig. na Jibsen), Jakob Davis (Gracie), Rick Mercer (Layton), Dominique Pinon (Roy), Julian Richings (Due nuvole), Susan Glover (Ricky), James Bradford . (Cathy)

Soggetto

Bambino prodigio di 10 anni appassionato di cartografia e invenzioni, T.S. Spivet vive in un ranch del Montana con la mamma, esperta di morfologia degli insetti; il padre, un cowboy ormai fuori tempo; la sorella 14enne che sogna di diventare Miss America e il fratello gemello Layton. Un giorno una telefonata improvvisa gli annuncia che l'Istituto Smithsonian gli ha attribuito il prestigioso Premio Baird per la sua invenzione di un dispositivo dal moto perpetuo. Deciso a ritirare il premio e a tenere il discorso di ringraziamento, Spivet salta su un treno merci e intraprende da solo un viaggio che dal Montana lo porta a Washington. Al suo arrivo, la segretaria dell'istituto stenta a credere che il premiato sia un bambino...

Valutazione Pastorale

Dopo un inizio di carriera a fianco del fumettista e disegnatore Marc Caro, Jeunet ha diretto da solo alcuni titoli fino a "Il favoloso mondo di Amelie", grande successo internazionale e suo trampolino di lancio per la successiva carriera. A dire il vero quel titolo ormai quasi proverbiale potrebbe adattarsi ben anche al film in questione, con una piccola variante: "Il favoloso mondo di T.S. Spivet". Quello dell'avventura di un ragazzino inesperto e un po' timido e tuttavia carico di entusiasmo è un copione denso di suggestioni che svariano lungo tutto il diagramma della fantasia e del sogno, con precisi e pertinenti rientri sulla concretezza della realtà. L'invenzione è il gradito prima dell'utopia, quella condizione ideale nella quale è bello restare in attesa di scegliere il passo decisivo da compiere. Il viaggio nell'ignoto di strade e spostamenti crea le premesse giuste per mettere Spivet sulla soglia dell'ignoto, della sorpresa; viaggio quindi di formazione e di crescita. Sembra un racconto alla Walt Disney e qui Jeunet è bravo a seguire le strada maestra dei grandi film d'avventura senza imitarli e anzi ritagliandosi un tono personale, un approccio originale, fatto di elementi romantici, comici, surreali, improbabili, sempre divertenti. Si arriva alla fine essendo rimasti quasi sempre accanto a Spivet, ammirandone la lucidità creativa, la bella famiglia che lo circonda, gli spazi infiniti che certa America offre per rendere quasi ogni gesto e ogni azione qualcosa che tocca l'epica e entra nella leggenda. Un bell'esempio di film per tutti che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme poetico.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come spettacolo piacevole e divertente per tutta la famiglia.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film