LOL – PAZZA DEL MIO MIGLIORE AMICO

Valutazione
Futile, superficiale
Tematica
Amicizia, Donna, Educazione, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia, Musica
Genere
Commedia
Regia
Lisa Azuelos
Durata
97'
Anno di uscita
2012
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
LOL
Distribuzione
Moviemax
Soggetto e Sceneggiatura
Lisa Azuelos, Kamir Ainouz Lisa Azuelos
Musiche
Rob Simonsen
Montaggio
Myron I. Kerstein

Orig.: Stati Uniti (2011) - Sogg.: Lisa Azuelos - Scenegg.: Lisa Azuelos, Kamir Ainouz - Fotogr.(Scope/a colori): Kieran McGuigan - Mus.: Rob Simonsen - Montagg.: Myron I. Kerstein - Dur.: 97' - Produz.: Tis Cyrus, Michael Shamberg, Stacey Sher.

Interpreti e ruoli

Miley Cyrus (Lola), Demi Moore (Anne), Ashley Greene (Ashley), Lina Esco (Janice), Tanz Watson (Lloyd), Gina Gershon (amica di Anne), Douglas Booth (Kyle), Adam G. Sevani (Max), George Finn (Chad), Ashley Hinshaw (Emily), Thomas Jane (Alan), Jay Hernandez (James)

Soggetto

La scuola è il luogo dove esplodono tutte le passioni, gli entusiasmi e le delusioni dell'adolescenza. Lola e le sue amiche vi sono coinvolte in pieno. Innamoramento e gelosie si susseguono e creano frizioni soprattutto tra Lola e sua madre Anne, una donna che continua a vedersi con l'ex marito e trova un nuovo amico in un poliziotto conosciuto per caso. Tra Lola e Anne incomprensioni e litigi sono all'ordine del giorno. Serve solo del tempo per avviare una migliore comprensione reciproca, e creare le premesse per un futuro positivo.

Valutazione Pastorale

Si vede questo, e se ne sono visti cento: tutti (quasi) uguali, con le stesse premesse, con identici sviluppi, con finale già scritto. Sono prodotti-fotocopia, all'insegna di ribellioni di comodo, di frizioni telefonate, di buonismo dilagante. Importante è tenere alta la presenza di musica, feste, situazioni dove gli adolescenti fanno (o si fingono esperti di) sesso, tutti già grandi prima del tempo, e poi fragili alla prima incertezza. Accanto genitori che non ascoltano il passare del tempo, e fanno i ragazzini. Qui la mamma è una Demi Moore ex diva ora comprimaria, a certificare la fine di un cinema americano ora in mano al pubblico giovanile. Moralina finale sull'amore vero, livello narrativo basso, esperienze giovanili svendute sul piatto di banalità senza fine. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come futile e del tutto superficiale.

Utilizzazione

In programmazione ordinaria e in altre occasioni, sarebbe prerebile evitare l'utilizzazione. Se proprio si vuole offrire un prodotto per un target giovanile, va tenuto ben presente quanto detto sopra sui modesti contenuti della pellicola. Attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film