L’ULTIMO RE DI SCOZIA

Valutazione
Accettabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Amicizia, Politica-Società, Potere, Storia
Genere
Drammatico
Regia
Kevin MacDonald
Durata
121'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
The Last King of Scotland
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Jeremy Brock, Peter Morgan tratto dal romanzo omonimo di Giles Foden
Musiche
Alex Heffes
Montaggio
Justine Wright

Orig.: Gran Bretagna (2006) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di Giles Foden - Scenegg.: Jeremy Brock, Peter Morgan - Fotogr.(Scope/a colori): Anthony Dod Mantle - Mus.: Alex Heffes - Montagg.: Justine Wright - Dur.: 121' - Produz.: Lisa Bryer, Andrea Calderwood, Christine Ruppert, Charles Steel.

Interpreti e ruoli

Forest Whitaker (Idi Amin), James Mcavoy (Nicholas Garrigan), Kerry Washington . (Kay Amin), Gillian Anderson (Sarah Merrit), Simon McBurney (Nigel Stone), David Oyelowo (dottor Junju), Abby Mikiibi Nkaaga (Masanga), Adam Kotz (dottor Merrit), Barbara Rafferty (mamma di Nicholas), David Ashton . (papà di Nicholas)

Soggetto

Scozia, 1970. Appena laureatosi in medicina, il giovane Nicholas Garrigan avverte il bisogno di lasciare la routine familiare, e se ne va in Uganda. Nella capitale, comincia a lavorare nel locale ospedale fin quando, durante un trasferimento, gli capita di curare un uomo corpulento e espansivo, Idi Amin, presidente del Paese. Costui lo prende in simpatia, lo nomina suo medico personale, e da quel momento la vita per Nicholas cambia. Ben presto Amin gli chiede consiglio anche su argomenti non legati alla medicina, e il rapporto tra i due diventa molto delicato. Intenzionato a svincolarsi da quella situazione, Nicholas capisce di esserci ormai dentro senza ritorno, sentendosi anche complice, per quanto involontario, di tutti gli atti disumani e violenti ordinati da Amin, diventato un sanguinario dittatore. Solo grazie all'intervento di un membro dello staff del tiranno, Nicholas riesce, ferito e sanguinante, a salire su un aereo e a fare ritorno in Europa.

Valutazione Pastorale

La figura del dittatore Idi Amin è, come si sa, autentica; quella del giovane medico scozzese é invece inventata, proviene dal romanzo omonimo. Nel mettere insieme realtà e finzione, il copione arriva ad una sovrapposizione dei due piani di straordinaria lucidità, facendo del personaggio 'finto' il prototipo di tutti coloro che si sentono valorizzati da conoscenze importanti, salvo poi accorgersi dell'altra faccia di chi stanno frequentando. Una medicina al servizio di tutti e una tirannia che opprime tutti si scontrano lungo uno scenario incandescente e ruvido, dentro il quale il giovane farà un'esperienza impossibile da dimenticare. La regia di Macdonald si muove sull'incalzare di avvenimenti tragici, mettendo a nudo la difficoltà di quel dialogo culturale tra Europa e Africa, cos' frammentario e tormentato. Film dalle tante sfaccettature che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabiule, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e proposto in successive occasioni nell'ambito del rapporto cinema/Storia. A motivo di un clima generalmente crudo, attenzione é da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film