L’UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

Valutazione
Problematico, Raccomandabile, Adatto per dibattiti
Tematica
Ecologia, Famiglia - genitori figli, Solidarietà-Amore
Genere
Drammatico
Regia
Robert Redford
Durata
160'
Anno di uscita
1998
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE HORSE WHISPERER
Distribuzione
Buena Vista Internaional Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Eric Roth, Richard La Gravenese tratto dal romanzo "The Horse Whisperer" di Nicholas Evans
Musiche
Thomas Newman
Montaggio
Tom Rolf, Freeman Davies, Hank Corwin

Sogg.: tratto dal romanzo "The Horse Whisperer" di Nicholas Evans - Scenegg.: Eric Roth, Richard La Gravenese - Fotogr.: (Scope/a colori) Robert Richardson - Mus.: Thomas Newman - Montagg.: Tom Rolf, Freeman Davies, Hank Corwin - Dur.: 160' - Produz.: Robert Redford, Patrick Markey

Interpreti e ruoli

Robert Redford (Tom Booker), Kristin Scott-Thomas (Annie Mac Lean), Sam Neill (Robert Mac Lean), Dianne Wiest (Diane Booker), Scarlett Johansson (Grace Mac Lean), Chris Cooper (Frank Booker), Cherry Jones (Liz Hammond)

Soggetto

Un terribile incidente di cui Grace MacLean, 14enne, rimane vittima mentre cavalca Pilgrim, lascia nella ragazza profonde ferite sul piano fisico e psicologico. Anche il cavallo resta gravemente ferito e la veterinaria consiglia di abbatterlo. La madre di Grce, Annie, direttrice a New York di una importante rivista, capisce che un forte legame unisce la figlia al cavallo, e, vincendo le resistenze del marito Robert, decide che questo rapporto va salvato e recuperato. Venuta a sapere del luogo dove si trova Tom Booker, considerato il maggior esperto di cavalli, parte per il Montana, portando con sé la figlia e il cavallo stesso. Tom accetta l'incarico ed inizia un paziente lavoro, volto a recuperare tutto ciò che l'incidente ha distrutto. E' un' operazione che si dimostra più difficile del previsto, e così il soggiorno si prolunga e Annie si vede sostituita alla guida della rivista. Così tra Tom e Annie ha modo di nascere una reciproca ammirazione e attrazione. Quando è il momento della prova finale, arriva sul luogo anche Robert. I sacrifici fatti ottengono il premio sperato: Grace sale di nuovo su Pilgrim, che la conduce con docilità. Robert, che ha intuito il legame creatosi tra Annie e Tom, riparte, lasciando la moglie sola con se stessa. Poco tempo dopo, Annie capisce che il suo posto è accanto al marito e alla figlia, e lascia il Montana per fare ritorno a New York.

Valutazione Pastorale

il film, tratto dal romanzo omonimo di Nicholas Evans, si propone come una sorta di percorso tra le difficoltà che insidiano l' armonia quotidiana, e le fatiche da affrontare per non spezzare quell'armonia ma anzi recuperarla e renderla più forte di prima. Annie, la protagonista, vede a poco a poco venir meno i propri punti di riferimento: la figlia, il lavoro, il marito, tutti elementi che le riempiono e arricchiscono la vita. Il trasferimento negli spazi incontaminati della campagna e la conoscenza di un uomo diverso da quelli della grande città le procureranno sbandamenti e dilemmi, in fondo ai quali però la sua voglia di recupero dell'equilibrio iniziale sarà più forte e convinta. Film molto spettacolare, la cui lunghezza trova giustificazione nella necessità di dare tempo per arrivare alla soluzione delle varie crisi. Il messaggio positivo che ne esce è chiaro e nitido, ben raccontato da una regia convinta e affidato a dialoghi e interpretazioni adeguate. Dal punto di vista pastorale, il film è da raccomandare e da segnalare come problematico e per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, come esempio di prodotto insieme spettacolare, scorrevole e denso di suggestioni positive. Da recuperare anche in altre occasioni, per parlare dell'argomento famiglia, nelle implicazioni dei rapporti madre-figlia, moglie-marito.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV