L’UOMO DEL GRANO

Valutazione
Consigliabile, Realistico
Tematica
Famiglia, Scienza, Storia
Genere
Drammatico
Regia
Giancarlo Baudena
Durata
104'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Stella Polare
Musiche
Felice Reggio
Montaggio
Piero Lassandro

Orig.: Italia (2009) - Sogg. e scenegg.: Giancarlo Baudena in collaborazione con Mariella Chiappa, Ilva Fontana, Benito Giorgi, Maria Daniela Raineri - Fotogr.(Panoramica/a colori): Claudio Zamarion - Mus.: Felice Reggio - Montagg.: Piero Lassandro - Dur.: 104' - Produz.: Giancarlo Baudena, Antonio Vizzi per Stella Polare Film srl.

Interpreti e ruoli

Carlo Greco (Nazareno Strampelli), Consuelo Ciatti (Carlotta Parisani), Denis Fasolo (Strampelli giovane), Dario D'Ambrosi (Francesco Strampelli), Gianna Paola Scaffidi (Luigia Strampelli), Stefano Venturi . (principe Ludovico Spada Potenziani), Massimo Avella (Bernardino Giovannelli), Ana Valeria Dini (Nicole), Ilva Fontana (maestra Emanuela), Matteo Tosi . (Luigi Troini)

Soggetto

Nazareno Strampelli nasce a Crispiano, nella provincia marchigiana, nel 1866. Quando muore, nel 1942, lascia in eredità alla comunità scientifica italiana e internazionale una imprescindibile serie di studi sulle nuove qualità di grano con elevate capacità produttive e resistenza alle malattie: una soluzione che permette di aumentare la capacità di produzione di questo cereale nel mondo intero.

Valutazione Pastorale

In occasione della rinunione di alcuni eredi e studiosi, tra cui un cinese e una giovane genetista, viene rievocata la figura di Nazareno Strampelli: l'attrazione fin dall'infanzia per la terra e i suoi prodotti; l'intuito nello sviluppare una produzione agricola non fine a se stessa ma nell'ottica di una condivisione reciproca e mutualistica. La ricostruzione é certamente sincera e affettuosa. Cinquant'anni di storia italiana sono ripercorsi secondo un'ottica insolita e originale. Il resoconto é semplice e intenso, affidato ad una ambientazione precisa, densa di slanci affettuosi e sentimenti vissuti con dedizione. Uno sguardo opportuno su una figura che é giusto riportare alla memoria, in un film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme realistico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e, meglio, in occasioni mirate, per offrire un ritratto inedito del protagonista e dell'Italia a cavallo di due secoli.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film