MALA TEMPORA

Valutazione
Consigliabile, semplice
Tematica
Storia, Tematiche religiose
Genere
Drammatico
Regia
Stefano Amadio
Durata
81'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Movie Factory srl
Musiche
Francesco Verdinelli
Montaggio
Carlo Vittucci

Orig.: Italia (2008) - Sogg. e scenegg.: Simona Volpi, Stefano Amadio - Fotogr.(Panoramica/a colori): Massimo Franchi - Mus.: Francesco Verdinelli - Montagg.: Carlo Vittucci - Dur.: 81' - Produz.: Francesco Paolo Montini.

Interpreti e ruoli

Severino Saltarelli (Pietro del Sirente), Maddalena Maggi (Iacovella di Matessa), Alberto Cracco (Placido da Gavardo), Loredana Solfizi (Berengaria di Matessa), Ugo Margio ; Daniele Ferretti (Gran Maestro dei Templari), Pino De Matti (Romualdo da Bominaco), Roberto Ruspoli (Ugone di Matessa), Natale Russo (Cesidio di Matessa), Gildo Di Marco (il penitente), Roberta Salvati . (Desiderio), (la locandiera)

Soggetto

Abruzzo, anno 1270. Ormai in fin di vita, la contessa Berengaria lascia a sua figlia Iacovella un oggetto misterioso da non guardare e da affidare al monaco Pietro del Sirente perché lo porti al Papa. Dalla Terra Santa Placido da Gavardo, monaco templare, cerca a sua volta Pietro per sottoporgli le reliquie portate dal viaggio. Cesidio e Ugone, fratelli di Iacovella, raggiungono Pietro, lo derubano e lo calano in un crepaccio. Da qui lo fa uscire Placido, insieme a Romualdo, un altro eremita. I tre si mettono all'inseguimento di Cesidio e Ugone ma prima l'uno e poi l'altro vengono eliminati. Infine Pietro, Placido e Iacovella trovanbo anche il cadavere di Iacovella, strangolata con un laccio. Quando ormai ha deciso di andare al più presto a Roma, Pietro apprende che il Papa é a Lione dove sta inaugurando il concilio. Pietro non si prede d'animo e si organizza per raggiungere la Francia. Il viaggio continua.

Valutazione Pastorale

Raccontare una storia ambientata in periodi difficili e poco conosciuti come quelli del 13° secolo rappresenta un rischio e un azzardo. Romano, 43enne, Stefano Amadio ha scelto questo plot per il suo esordio sul grande schermo, riuscendo a creare la giusta cornice di una ambientazione in 'esterni' abbastanza credibile e vivace. In certi momenti il racconto si chiude un po' su se stesso, di fronte alla necessità di costruire personaggi 'difficili' (monaci, eremiti, predicatori...) e di muoversi lungo temi alti (fede, meditazione, ascetismo...). Riesce meglio il quadro d'insieme, uno sguardo corale e indistinto su modi di vivere e di comunicare nell'Italia di quegli anni, tra asprezze geografiche, esistenza rude, interrogativi esistenziali. Qui Amodio coglie piccoli sprazzi di realismo senza tuttavia mai andare veramente a fondo. Nell'insieme, dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e decisamente semplice. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, eventualmente, in altre occasioni come proposta su un periodo storico poco frequentato dal cinema italiano.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV