MASQUERADE *

Valutazione
Discutibile, Scabrosità
Tematica
Genere
Thrilling
Regia
Bob Swaim
Durata
88'
Anno di uscita
1989
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
MASQUERADE
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Dick Wolf
Musiche
John Barry
Montaggio
Scott Conrad

Sogg. e Scenegg.: Dick Wolf - Fotogr.: (normale/a colori) David Watkin - Mus.: John Barry - Montagg.: Scott Conrad - Dur.: 88' - Produz.: Michael I. Levy - Vietato ai minori degli anni diciotto

Interpreti e ruoli

Rob Lowe (Tim Whacan), Meg Tilly (Olivia Lawrence), Kim Kattrall (Brooke Morrison), Doug Savant (Mike Mc Gill), John Glover (Tony Gateworth), Dana Delany (Anne Briscoe), Brian Davies (Granger Morrison)

Soggetto

Olivia Lawrence, una giovane donna un pò timida, ma ricchissima, è orfana di padre da dodici anni e di recente ha perso anche la madre. Purtroppo è obbligata a tenersi in casa il terzo marito di costei, Tony Gateworth, un uomo volgarissimo e spendaccione (il quale non solo vive praticamente alle spalle della figliastra, ma ha portato in casa anche l'amante, Anne Briscoe). Olivia si innamora perdutamente di Tim Whalan, un giovane skipper, assunto in vista di una regata oceanica da Granger Morrison, la cui moglie Brooke lo accoglie spesso e volentieri nel proprio letto. Innamorato respinto da Olivia è Mike Mc Gill, suo compagno di scuola ed ora agente nella polizia cittadina. In realtà i tre uomini (Tony, Tim e Mike) si conoscono da tempo ed hanno architettato un piano criminoso ai danni di Olivia: di lei è previsto l'assassinio, dopo un matrimonio-burla con lo skipper e successiva ripartizione di milioni di dollari. Durante un incontro notturno tra Olivia ed il focoso Tim, il patrigno irrompe armato, simulando sdegno: finta colluttazione tra Tim e Tony, ma dalla rivoltella parte un proiettile che uccide Gateworth. Olivia si addossa il delitto, asserendo che era stata aggredita in camera sua dal patrigno in foia e sostenendo la tesi della legittima difesa; mentre Tim la notte stessa si è recato dalla amante Brooke per avere un alibi ad ogni buon costo. Qui le cose si complicano: Anne dopo avere fatte alcune insinuazioni davanti agli inquirenti, viene trovata impiccata nella doccia. Frattanto Olivia, sebbene al corrente degli incontri fra Tim e la Morrison, sposa il suo ragazzo. Dopo un pò di tempo che la miliardaria attende un bambino, il poliziotto Mike insiste che Tim porti a compimento il piano programmato: ricatta anzi l'amico (ha infatti trovato e sottratto a sua tempo una prova della colpevolezza di Tim) e lo invita a provocare un incidente d'auto. Ma ormai Tim ha avuto un soprassalto di coscienza e l'incidente viene da lui brillantemente evitato. Mike ne propone allora un altro: egli stesso manometterà la tubazione del gas di uno yacht, a bordo del quale Tim darà appuntamento ad Olivia ad un'ora prestabilita, onde partire per la Florida. All'ultimo minuto, tuttavia, Tim corre all'imbarcazione sale a bordo per evitare il disastro, ma salta in aria con l'imbarcazione. Dopo la morte di Tim la donna vedrà per puro caso sul ritaglio di un giornale ingiallito i volti dei tre che hanno tramato contro di lei e nell'occasione, atrocemente colpita dalla verità e in un eccesso di furia, riuscirà a scaraventare fuori della finestra il superstite Mike, forse il più perverso del terzetto. Successivamente apprenderà dal proprio avvocato che, tempo prima, Tim aveva a lui dichiarato che da Olivia egli non voleva denaro, ma soltanto amore.

Valutazione Pastorale

la costruzione è solida, risponde ad uno schema narrativo mai debole e sempre logico, sì che il film è ricco di colpi di scena che vanno dritti allo scopo. La regia, di valido mestiere, si evidenzia per i ritmi serrati e per la salda direzione degli interpreti. A parte la criminosità del piano nel lavoro si riscontrano varie scabrosità.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film