MENO MALE CHE CI SEI

Valutazione
Futile, supeficialità
Tematica
Amicizia, Famiglia - genitori figli, Giovani, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Luis Prieto
Durata
106'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Universal Pictures International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Maria Daniela Raineri con la collaborazione di Federica Pontremoli tratto dal romanzo omonimo di Maria Daniela Raineri
Musiche
Pasquale Catalano
Montaggio
Cecilia Zanuso

Orig.: Italia (2009) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di Maria Daniela Raineri - Scenegg.: Maria Daniela Raineri con la collaborazione di Federica Pontremoli - Fotogr.(Scope/a colori): Patrizio Patrizi - Mus.: Pasquale Catalano - Montagg.: Cecilia Zanuso - Dur.: 106' - Produz.: Cattleya, Focus Features International.

Interpreti e ruoli

Claudia Gerini (Luisa), Chiara Martegiani (Allegra), Alessandro Sperduti . (Gabriele), Guido Caprino (Giovanni), Teresa Mannino (Barbara), Clotilde Sabatino (Silvia), Marco Giallini (Federico), Stefani Sandrelli (nonna di Allegra), Ugo Fancareggi . (nonno di Allegra)

Soggetto

Alla morte dei genitori in un incidente aereo, la 17enne Allegra apprende dalla mail che il padre aveva una relazione con una certa Luisa. La rintraccia e, dopo i primi approcci, va a vivere con lei. Le due donne cominciano a condividere gioie e dolori della vita quotidiana, soprattutto sotto il profilo sentimentale: da un lato Luisa, adulta, disillusa, indecisa; dall'altro Allegra, appena maggiorenne, vitale, desiderosa di esperienze.

Valutazione Pastorale

Alle spalle c'è il romanzo omonimo di Maria Daniela Raineri. Poco importa stabilire eventuali omogeneità o differenze. Per come lo vediamo, il copione é un coacervo di banalità e luoghi comuni. Situazioni sentimentali viste da varie angolature si succedono una dopo l'altra, lasciando pochi margini di respiro. E, quel che è peggio, componendo ritratti di donne e uomini tutti all'insegna di una desolante assenza di reazioni emotive. E senza nemmeno la capacità di inserire il modesto materiale narrativo nelle cornci di un colorito melodramma. Insomma si naviga a vista, all'insegna del "questa è la vita". Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come futile e segnato da superficialità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendo presente quanto detto sopra. Attenzione è comunque da tenere per piccoli e minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV