NICKNAME : ENIGMISTA

Valutazione
Inconsistente, banalità
Tematica
Cinema nel cinema, Giallo - Triller, Giovani
Genere
Thriller
Regia
Jeff Wadlow
Durata
90'
Anno di uscita
2005
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Cry Wolf
Distribuzione
Eagle Pictures
Musiche
Michael Wandmacher
Montaggio
Seth Lewis Gordon

Orig.: Stati Uniti (2005) - Sogg. e scenegg.: Jeff Wadlow, Beau Bauman - Fotogr.(Scope/a colori): Romeo Tirone - Mus.: Michael Wandmacher - Montagg.: Seth Lewis Gordon - Dur.: 90' - Produz.: Beau Bauman.

Interpreti e ruoli

Julian Morris (Owen), Lindy Booth (Dodger), Jared Padalecki (Tom), Sandra McCoy (Mercedes), Kristy Wu (Regina), Jon Bon Jovi. (Rich Walter)

Soggetto

Al Westlake Prep, un liceo dove da poco é stata uccisa una ragazza, arriva Owen che, di lì a poco, dopo aver conosciuto la coetanea Dodger, viene ammesso a far parte del 'club dei bugiardi'. Una sera Owen propone di far uscire il gioco delle bugie dai confini della scuola. E così viene diffusa in rete la notizia che l'autore dell'omicidio commesso poco tempo prima é un killer chiamato l'enigmista, uno che dichiara di voler colpire ancora, dando indicazioni sulla prossima vittima scelta propio dentro quel gruppo di amici. Quando lo scherzo comincia a tramutarsi in realtà, i ragazzi capiscono che la situazione sta loro sfuggendo di mano e il sospetto reciproco diventa l'unica arma di difesa. Si va così ancora avanti tra paventi e finti omicidi, fino a quando Owen capisce che è stata Dodger ad uccidere la ragazza perché gelosa del suo rapporto con il prof. Walter.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un thriller piuttosto modesto che compie l'errore di voler accumulare a tutti i costi momenti di suspence a scapito delle motivazioni delle varie azioni. In questo modo la tensione non viene adeguatamente preparata e il racconto non trova mai i giusti ritmi. Forse l'idea di ambientare nella scuola una vicenda diversa dai vari esempi alla "Porky's" poteva risultare valida, se fosse stato sviluppato meglio il rapporto alunni/insegnanti, o quello alunni/genitori. Così tutto resta al livello delle intenzioni non realizzate. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inconsistente e infarcito di banalità. UTILIZZAZIONE: in programmazione ordinaria l'utilizzazione può essere trascurata, a vantaggio di recuperi per appassionati del 'genere'. Attenzione é comunque da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film