NIENTE DA PERDERE

Valutazione
Accettabile, semplicistico
Tematica
Amicizia, Famiglia
Genere
Commedia
Regia
Steve Oedekerk
Durata
98'
Anno di uscita
1997
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
NOTHING TO LOSE
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Steve Oedekerk
Musiche
Robert Folk
Montaggio
Malcom Campbell

Sogg. e Scenegg.: Steve Oedekerk - Fotogr.: (Panoramica/a colori) Donald E.Thorin - Mus.: Robert Folk - Montagg.: Malcom Campbell - Dur.: 98' - Produz.: Martin Breg-man, Dan Jinks, Michael Bregman

Interpreti e ruoli

Tim Robbins (Nick Beam), Martin Lawrence (T.Paul), John C. Mc Gilnley (Davis “Rig” Lanlow), Giancarlo Esposito (Charlie Dunt), Kelly Preston (Ann), Michael Mc Kean (Phillip Barrow), Rebecca Gayheart (Danielle), Susan Barnes, Irma P.Hall, Samaria Graham.

Soggetto

Nick Beam, pubblicitario di successo, ha una moglie bella e affet-tuosa alla quale è legatissimo. Ma una sera, tornando a casa, la scopre nel loro letto in flagrante adulterio con il suo capo. Ne rimane sconvolto, comin-cia a vagare per la città, sale in macchina e, nel pieno di una crisi depressiva, parte senza meta stringendo il volante tra le mani come un automa. Mentre è fermo ad un semaforo, T. Paul, un rapinatore di colore dalla parlantina facile, gli balza in macchina puntandogli una pistola in faccia. L’effetto paura però non funziona: ormai indifferente a tutto e sicuro di non avere più niente da perdere, Nick ignora le minacce e finisce col mettere in difficoltà il suo rapi-natore. Insieme proseguono il viaggio, fanno rapine a bar e motel, sono inse-guiti da un’altra coppia di banditi. Poi Nick accompagna T.Paul a casa da moglie e figlioletti: lui in realtà è un esperto di computer attualmente disoc-cupato. Questa circostanza fa venire a mente a Nick la possibilità di mettere in piedi una vendetta ai danni del suo capo. Divenuti ormai amici, i due architettano il piano che sta per andare in porto, quando, tornato a sua volta a casa, Nick apprende dalla moglie che quella che aveva visto a letto non era lei ma la sorella. Il meccanismo ormai si è messo in moto. Le truffe del capo vengono smascherate, Nick riprende il suo posto in ditta e riesce a trovare un’ adeguata occupazione anche al suo grande amico T.Paul.

Valutazione Pastorale

una commediola leggerina e un po’ tirata via, imper-niata sull’incontro (ormai consueto nel cinema americano) tra un uomo bian-co e uno di colore, che comincia in modo brusco e finisce all’insegna dell’a-micizia e dell’aiuto reciproco. Il racconto scivola via, toccando tematiche tipiche della commedia brillante, la delusione per il supposto tradimento coniugale, il ragazzo che fa il rapinatore ma in realtà è una brava persona molto legata a moglie e figli, la piccola vendetta, l’equivoco, il premio finale per i buoni a danno dei cattivi. Il film dunque, dal punto di vista pastorale, va accolto positivamente, anche se il poco mordente della regia dà a tutto l’in-sieme un tono decisamente semplicistico. Utilizzazione: il film, pur leggerino, si segue comunque con tranquillità ed è utilizzabile in programmazione ordinaria. Sembra difficile vederlo collocato in altri contesti, proprio perchè le tematiche presenti (famiglia, amicizia...) sono, come detto, risolte in modo molto sbrigativo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film