OLIVER TWIST

Valutazione
Accettabile, semplice**
Tematica
Amicizia, Bambini, Delinquenza minorile, Film per ragazzi, Letteratura, Libertà, Povertà-Emarginazione, Storia
Genere
Avventuroso
Regia
Roman Polanski
Durata
129'
Anno di uscita
2005
Nazionalità
Francia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca
Titolo Originale
Oliver Twist
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Ronald Harwood tratto dal romanzo omonimo di Charles Dickens
Musiche
Rachel Portman
Montaggio
Hervé de Luze

Orig.: Francia/Gran Bretagna/Repubblica Ceca (2005) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di Charles Dickens - Scenegg.: Ronald Harwood - Fotogr.(Scope/a colori): Pawel Edelman - Mus.: Rachel Portman - Montagg.: Hervé de Luze - Dur.: 129' - Produz.: Robert Benmussa, Alain Sarde, Ronam Polanski.

Interpreti e ruoli

Barney Clark (Oliver Twist), Ben Kingsley (Fagin), Jamie Foreman (Bill Sykes), Harry Eden (Artful Dodger), Leanne Rowe (Nancy), Edward Hardwicke (sig. Brownlow), Mark Strong (Toby Crackit), Jeremy Swift (sig. Bumble), Ian McNeice (sig. Limbkins), Andy Linden (Gamfield), Michael Heath ( spazzacamino), Gillian Hanna (sig. Sowerberry), Lewis Chase (sig.ra Sowerberry), Alun Armstrong (Charley Bates), (giudice Fang)

Soggetto

Espulso dalla casa di lavoro come elemento di disturbo, punito a suon di frusta dall'impresario di pompe funebri Sowerberry, dove faceva l'apprendista, il piccolo orfano Oliver Twist scappa e arriva a Londra. Qui finisce nelle grinfie di una banda di giovani spacciatori gestita dal signor Fagin, che addestra i piccoli e li manda per le strade a derubare i passanti. Alla spartizione del bottini partecipa anche il perfido Bill Sykes, che tiene sotto schiavitù la fidanzata Nancy. Tuttavia un giorno Oliver conosce in tribunale il nobile signor Brownlow, che decide di portarselo a casa e di fargli cominciare una nuova vita. Fagin e Sykes intravedono in questo situazione la possibilità di mettere a segno furti di alto livello, e creano le condizioni per poter ricattare il malcapitato Oliver. Devono sciogliersi molti equivoci, prima che Sikes, nel tentativo di usare Oliver come scudo, precipiti dai tetti mentre è inseguito dalla polizia e muoia impiccato. Tempo dopo, Oliver, accompagnato a Brownlow, va a trovare Fagin, rinchiuso nella prigione di Newgate e ormai fuori di senno. Oliver lo abbraccia, Fagin forse lo riconosce. Ma il bambino ora vuole davvero cominciare una vita diversa.

Valutazione Pastorale

La storia di Oliver Twist fu pubblicata per la prima volta nel 1837 da Charles Dickens sotto forma di racconto ad episodi sulla rivista mensile "Bentley's Miscellany". Aveva un sottotitolo, "The Parish Boy's Progress" (La storia del ragazzo della circoscrizione), che chiariva le intenzioni dell'autore: descrivere cosa voleva dire essere un 'parish boy', ossia un ragazzino che viveva grazie all'aiuto della circoscrizione, in base alla legge sulla povertà emanata nel 1834. E'utile ricordare che Dickens era stato giornalista parlamentare e aveva seguito, per il Morning Chronicle, gli accesi dibattiti che precedettero l'approvazione della legge. Il romanzo insomma è fotografia di un'epoca, la nuova versione di Polanski si cala nella Londra dell'800 ma ha presenti le megalopoli di oggi. "Se pensiamo a città come Bombay o Bangkok, sappiamo ce lì ci sono ancora tantissimi bambini poveri che vivono per le strade..." L'ebreo parigino/polacco Polanski, appena di otto anni quando nel 1941 il padre fu deportato a Mathausen e la madre ad Auschwitz, é vicino ad Oliver e ne avverte il dolore. E' difficile crescere, é difficile invecchiare. Se Oliver sfonda le barriere del tempo, altrettando vale per Fagin, povero 'matto' ignorante, che paga ma non capisce. Questa versione di Polanski é piana e scorrevole, di grande impegno per costumi, ambienti, atmosfere. Ma, curiosamente, vi si avverte più l'occhio rivolto all'attualità che non alla pienezza del XIX secolo. Comunque un prodotto di alto livello, pur senza graffi memorabili, e un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, e nell'insieme semplice. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e da proporre in molte occasioni, anche scolastiche, conme approcio al romanzo e al rapporto cinema/letteratura.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV