ORCHIDEA SELVAGGIA

Valutazione
Inaccettabile, Malsano
Tematica
Genere
Commedia
Regia
Zalman King
Durata
119'
Anno di uscita
1989
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
WILD ORCHID
Distribuzione
Artisti Associati International
Soggetto e Sceneggiatura
Patricia Louisianna Knop, Zalman King
Musiche
Geoff Mac Cormaack, Simon Goldenberg
Montaggio
Marc Grossman, Glenn A. Morgan

Sogg. e Scenegg.: Patricia Louisianna Knop, Zalman King - Fotogr.: (panoramica/a colori) Galet Tattersall - Mus.: Geoff Mac Cormaack, Simon Goldenberg - Montagg.: Marc Grossman, Glenn A. Morgan - Dur.: 119' - Prod. Mark Damon, David Saunders - Vietato ai minori degli anni diciotto

Interpreti e ruoli

Mickey Rourke (James Wheeler), Jacqueline Bisset (Claudia Lirones), Carrré Otis (Emily), Assumpta Serna (Hanna), Bruce Greenwood (Jerome), Jens Peter (Wolleyball Player), Oleg Vidov (Otto), Milton Goncalves, Raul Land

Soggetto

laureata in diritto internazionale e conoscitrice di numerose lingue, Emily, appena assunta da una società finanziaria, accompagna Claudia Lirones, efficientissima ed autoritaria manager della stessa, nel viaggio a Rio de Janeiro per la conclusione di un importante affare. Là conosce James Wheeler, un uomo potente e ricchissimo il quale, postosi alle costole di Emily, dapprima ne stuzzica l'immaginazione erotica con chiacchiere e fantasie, poi la fa assistere alle effusioni di una matura coppia durante una corsa in auto, infine, sempre assicurandole intorno una atmosfera voluttuosa, riesce a farla cadere nelle braccia di un certo Jerome. Claudia è dovuta andare in Argentina per due o tre giomi; in più ci sono le eccitazioni del samba, i colori delle compagnie di danza delle favelas, nonché il fascino dei riti woodoo e con ciò Emily, attratta e turbata, è ormai una preda più che appetibile. Senonché, la mattina dopo, quando la ragazza siede accanto a Claudia, tornata a Rio, per assisterla nella conclusione del progettato affare, essa scopre che l'avvocato della controparte è Jerome, lo sconosciuto che l'ha posseduta. Confessato l'accaduto ed il proprio imbarazzo a Claudia, questa se ne avvale per ricattare gli affaristi avversari a vantaggio della propria società. Ma ora Emily si scopre sinceramente innamorata di Wheeler, il quale da parte sua la ricambia a pieno. Bambino infelice, di estrazione poverissima e allora balbuziente per giunta, egli si è fatto da solo, credendo unicamente nella potenza del denaro. Claudia lo ha sempre amato e desiderato invano. Ora però nella sua vita c'è Emily, con la sua freschezza e i due hanno un rapporto d'amore, mentre lui regala alla sua "selvaggia orchidea" il contratto testé concluso da Claudia, che egli ha immediatamente rilevato succedendo ai compratori.

Valutazione Pastorale

macchinosa e lubrica storia erotico-managerial-folclorica, inquadrata in una Rio de Janeiro più che di maniera tutta samba, lustrini, riti magici e sfrenatezza dove Emily, l' "orchidea selvaggia" tenta di sopravvivere fra indecenze e pulsioni voluttuose. I personaggi si danno da fare: la grintosa (e sboccatissima) manager, il patetico Wheeler, impegnato a metter su eccitanti maneggi per erotizzare la giovane fino al possesso per interposta persona, nonché la giovane Emily sballottata fra stupori, sollecitazioni insidiose e segretissima intensità, la quale poi scopre l'Amore con il miliardario, dopo l'iniziazione a cura dell'avvocato di parte avversa. Una parata di quattrini, di clausole giuridiche e di licenziosità sognate o realizzate. Prodotto di una letteratura di terza categoria, il film, connotato da dialoghi risibili e da un lessico spesso volgare, si snoda tra fumosità sensuali e sordidezze varie.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV