OUT OF TIME

Valutazione
Accettabile, semplice
Tematica
Giallo - Triller
Genere
Thriller
Regia
Carl Franklin
Durata
105'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Out of time
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Graeme Ravell
Montaggio
Carole Kravetz

Orig.: Stati Uniti (2003) - Sogg. e scenegg.: David Collard - Fotogr.(Scope/a colori): Theo Van der Sante - Mus.: Graeme Ravell - Montagg.: Carole Kravetz - Dur.: 105' - Produz.: Neal H.Moritz, Jesse B.Franklin.

Interpreti e ruoli

Denzel Washington (Matt Lee Whitlock), Eva Mendes (Alex Diaz Whitlock), Sanaa Lathan (Ann Merai Harrison), Dean Cain (Chris Harrison), John Billingsley (Chae), Robert Baker (Tony Dalton), Alex Carter . (Cabot)

Soggetto

Comandante della polizia in una cittadina della Florida, Matt é scosso dalla notizia che ad Ann, la donna con cui ha una relazione, é stato diagnosticato un tumore. La cura indicata dal medico è molto costosa e Matt si lascia andare ad un gesto rischioso: presta ad Ann i soldi appena confiscati al crimine organizzato nella convinzione che per lungo nessuno li avrebbe richiesti. Poco dopo però, lasciati due corpi carbonizzati nella propria abitazione, Ann e il marito Chris spariscono con il bottino. Le indagini vengono affidate ad Alex, detective nella stesso ufficio di polizia e moglie in attesa di divorzio di Matt. Quest'ultimo, quando capisce di essere stato raggirato dall'amante, é costretto da un lato a comportarsi in maniera normale dall'altro a cercare di risolvere da solo il caso prima che si scopra il suo coinvolgimento. Muovendosi tra sotterfugi e finzioni, Matt ritrova Ann e Chris. I due litigano, Ann uccide Chris e sta per sparare a Matt. Arriva Alex e la elimina. Il caso è chiuso. Matt e Alex tornano a casa e pensano di non lasciarsi più.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un prodotto del genere "thriller", ben costruito e attraversato da una buona suspense. Il ritmo é serrato, le atmosfere funzionano tra sospetti, dialoghi da doppio gioco, finzioni, inseguimenti. La capacità di costruire un racconto robusto e sempre efficace offre credibilità anche ad un finale lieto e conciliante. Dal punto di vista pastorale il film é da valutare come accettabile e nell'insieme semplice. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre come spettacolo coinvolgente e ben confezionato. Qualche attenzione per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film