PALLOTTOLE SU BROADWAY ***

Valutazione
Brillante, Discutibile, Dibattiti
Tematica
Psicologia
Genere
Grottesco
Regia
Woody Allen
Durata
99'
Anno di uscita
1995
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
BULLETS OVER BROADWAY
Distribuzione
Filmauro
Soggetto e Sceneggiatura
Woody Allen, Douglas McGrath
Musiche
Autori vari
Montaggio
Susan E. Morse

Sogg. e Scenegg.: Woody Allen, Douglas McGrath - Fotogr.: (normale/a colori) Carlo Di Palma - Mus.: Autori vari - Montagg.: Susan E. Morse - Dur.: 99' - Produz.: Robert Greenhut

Interpreti e ruoli

Dianne Wiest (Helen Sinclair), Chazz Palminteri (Cheech), John Cusak (David Shayne), Jim Broadbent (Warner Purcell), Jennifer Tilly (Olive Neal), Jack Warden (Nick Valenti), Joe Viterelli (Julian Marx), Mary Louise Parker, Rob Reiner, Tracey Ullman, Harvey Fierstein, Tony Sirico

Soggetto

David Shayne, autore drammatico con una grande considerazione di se stesso, si rivolge all'impresario Julian Marx per farsi rappresentare il più recente lavoro. Marx gli pone la condizione di includere nel cast Olive Neal, aspirante attrice assai ignorante e sguaiata, "amica" del gangster Nick Valenti. Con i soldi di questi Marx ingaggia la celebre star ormai al tramonto Helen Sinclair, e nonostante la penosa recitazione di Olive, tutto procede regolarmente. Ma Cheech, il guardaspalle del boss, dalla pistola e dalla vena teatrale altrettanto agili, assistendo alle prove, si rende conto di cosa non vada nel meccanismo teatrale, e si ingegna, dapprima suscitando imbarazzo e poi stupore nel commediografo, a rendere agile e realistico il copione, con profonda soddisfazione di tutti. Helen Sinclair, tra l'altro, finisce per manifestare la ricambiata ammirazione per l'autore in modo molto esplicito, mentre Olive, dal canto suo, si diverte con il collega Warner Purcell afflitto da bulimia malinconica. Diffidato costui da rivolgere le sue attenzioni sulla donna, Cheech, che ormai vede l'opera come sua, non tollera oltre lo scempio che Olive ne fa: e dopo il felice esordio in provincia e la sostituzione per malattia della giovane, si rende conto che senza di lei il lavoro è perfetto, e la elimina dal cast, sparandole. Cheech tiene testa all'infuriato David, che però non lo denuncia, ma non può sostenere a lungo l'alibi della guerra tra bande per spiegare a Valenti la morte di Olive, ed il boss lo fa eliminare proprio durante l'ennesima fortunata recita. Il bandito comunica a David, spirando, un nuovo travolgente finale. Compreso che il drammaturgo non è il suo mestiere e che l'amore di Helen, per la quale aveva lasciato la fidanzata Ellen, è solo parvenza, il giovane torna a casa riprendendosi la giovane Ellen e abbandonando la difficile arte del drammaturgo.

Valutazione Pastorale

Allen inquadra i suoi personaggi nel mitico contorno dei primi decenni del secolo, che egli predilige, liberando la sua inimitabile vena grottesca. Il suo ultimo film è una girandola di figure, dall'ineffabile killer-drammaturgo impersonato dal bravissimo Chazz Palminteri, drammaturgo di successo anche nella vita, che si prende in giro con gustosa ironia, alla strepitosa Dianne Wiest, anche qui al meglio della forma, con una gamma di sfumature dove si intersecano lampi di donna fatale, di intellettuale engagé, di romantica seduttrice, di primadonna capricciosa, il tutto soffuso di un tocco frivolo che rende la sua interpretazione veramente memorabile. Ma tutto il cast lavora alla grande, e sarebbe lungo elencare la girandola di trovate e dettagli che continuano a ravvivare uno spettacolo ben scritto, sceneggiato in modo esemplare e fotografato con colori straordinari da Carlo Di Palma. Peccato che, pur tenendo conto del clima grottesco, talora ai limiti del surreale, del racconto, questi sia imbastito su situazioni moralmente assai eccepibili, dalle uccisioni tra bande rivali, agli omicidi a sangue freddo del killer-drammaturgo, alle tresche cui si concedono i protagonisti. Tra l'altro, pur abbondando situazioni scivolose, Allen, fedele al suo stile, non esagera mai in dettagli visivi. Un film discutibile, quindi, ma con qualità artistiche di assoluto rilievo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film