Palm Springs

Valutazione
Complesso, Segnato da superficialità
Tematica
Amore-Sentimenti, Famiglia, Famiglia - genitori figli, Metafore del nostro tempo, Politica-Società, Solidarietà
Genere
Commedia
Regia
Max Barbakow
Durata
87'
Anno di uscita
2020
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Id.
Distribuzione
I wonder pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Andy Siara
Fotografia
Quyen “Q” Tran
Musiche
Matthew Compton
Montaggio
Matthew Friedman, Andrew Dickler
Produzione
Andy Samberg, Akiva Schaffer, Becky Sloviter, Jorma Taccone, Dylan Sellers, Chris Parker

Presentato alla 15a Festa del Cinema di Roma (2020)

Interpreti e ruoli

Andy Samberg . (Nyles), Cristin Milioti (Sarah), J.K. Simmons (Roy), Meredith Hagner (Misty), Camila Mendes (Tala), Tyler Hoechlin (Abe), Peter Gallagher (Howard)

Soggetto

Nyles rivive da tempo la stessa giornata in un resort di Palm Springs dove si sta celebrando un matrimonio; in questa stramba routine riesce a coinvolgere la damigella d’onore Sarah, con cui intreccia prima una spumeggiante amicizia e poi l’amore…

Valutazione Pastorale

Guardando “Palm Springs” si pensa subito alla commedia “Ricomincio da capo” (“Groundhog Day”, 1993) diretta Harold Ramis, con un sorprendente Bill Murray in coppia con Andie MacDowell. “Palm Springs” di Max Barbakow è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma sull’onda dell’accoglienza positiva all’ultimo Sundance Film Festival. Cosa accomuna dunque i due film? Il meccanismo narrativo, ovvero l’idea in cui il protagonista è chiamato a rivivere in maniera ciclica lo stesso giorno fino a che non scopre come rimediare, facendo anche un esame di coscienza su se stesso. Con un umorismo frizzate, a tratti grottesco, Max Barbakow rilegge il concept del film con Bill Murrey in chiave inedita e attuale. Un’opera che si presenta come un colorato fuoco d’artificio, un viaggio alla ricerca di sé e del proprio domani, con all’interno raccordi comici a ripetizione, simpatici sì ma non sempre ben calibrati. Nello specifico, il film di Barbakow comincia come il resoconto di un incerto rapporto di coppia ed evolve verso una frenetica girandola di varianti narrative. Disordinato e contraddittorio, "Palm Springs" scrive pagine di una quotidianità fragile, facendo su e giù nella frenetica vita di una coppia incapace di capire la propria identità. Divertente, irriverente, folle, il film corre veloce lungo i sentimenti malati della vita americana (californiana) di oggi. Dal punto di vista pastorale il film “Palm Springs” è da valutare come complesso e segnato da superficialità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato per dibattiti sul bisogno di relazioni e di prossimità, ma solo per un pubblico adulto.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film