PRECIOUS

Valutazione
Complesso, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Aids, Donna, Famiglia, Famiglia - genitori figli, Handicap, Psicologia, Scuola
Genere
Drammatico
Regia
Lee Daniels
Durata
109'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Stati Uniti
Distribuzione
Fandango
Soggetto e Sceneggiatura
Geoffrey Fletcher tratto dal romanzo "Push" di Sapphire
Musiche
Mario Grigorov
Montaggio
Joe Klotz

Orig.: Stati Uniti (2009) - Sogg.: tratto dal romanzo "Push" di Sapphire (alias Ramona Lofton) - Scenegg.: Geoffrey Fletcher - Fotogr.(Panoramica/a colori): Andrew Dunn - Mus.: Mario Grigorov - Montagg.: Joe Klotz - Dur.: 109' - Produz.: Lee Daniels Entertainment.

Interpreti e ruoli

Gabourey 'Gabby' Sidibe (Clareece "Precious" Jones), Mo'Nique (Mary), Paula Patton (sig.na Rain), Mariah Carey (sig.na Weiss), Lenny Kravitz (John), Sherri Shepherd (Cornrows), Nealia Gordon (sig.na Lichtenstein), Stephanie Andujar (Rita), Amin a Robinson (Jermaine Hicks), Chyna Layne . (Rhonda)

Soggetto

A New York, Clareece Jones, detta Precious, sedici anni, obesa: il padre l'ha messa incinta una prima volta (é nata una bambina minorata), e ora una seconda; la madre la odia e non vuole che vada a scuola per non perdere l'assegno sociale. Precious invece trova il coraggio per entrare in un istituto dove l'insegnante sig.na Rain la segue, la comprende, la incoraggia. A casa tuttavia le cose non cambiano. Un giorno la mamma dice a Precious che suo padre é morto, colpito dall'AIDS. Nel frattempo Precious partorisce: il bambino appare sano, ma poco dopo lei apprende di aver contratto a sua volta la malattia del padre. Ora é il momento di andare via da casa. Una figlia in un braccio, un figlio neonato nell'altro, la ragazza va incontro al futuro.

Valutazione Pastorale

Il finale allarga il cuore. Siamo tutti vicino a Precious e vorremmo abbracciarla per la grande dimostrazione di fiducia e di speranza che offre. Riandando però a tutto il racconto, non si può fare a meno di constatare come il copione percorra quella strada scivolosa lungo la quale la realtà rischia inopportune forzature. Grassa, due incesti, una figlia portatrice di handicap, una mamma selvaggia e violenta, l'AIDS dentro di lei: non è un po' troppo per un'unica persona? e non erano sufficienti anche meno disgrazie per farci partecipare al dramma di Precious? Se è impossibile negare l'esistenza di situazioni simili, forse l'accumulo di fatti negativi diventa un po' programmatico e rischia di inficiare il tono di denuncia del copione. Svolgimento dunque a corrente alternata per un film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come complesso e certamente problematico.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, più opportunamente, in occasioni mirate, per avviare riflessioni sui temi aspri e delicati che affronta. Molta attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di DVD e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film