RICOMINCIARE A VIVERE

Valutazione
Accettabile-riserve, realistico
Tematica
Donna, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Forest Whitaker
Durata
114'
Anno di uscita
1998
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Hope floats
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Musiche
Dave Grusin
Montaggio
Richard Chew

Orig.: Stati Uniti (1998) - Sogg. e scenegg.: Steven Rogers - Fotogr.(Panoramica/a colori): Caleb Deschanel - Mus.: Dave Grusin - Montagg.: Richard Chew - Dur.: 114' - Produz.: Lynda Obst in associazione con Fortis Films.

Interpreti e ruoli

Sandra Bullock (Birdee Pruitt), Harry Connick Jr (Justin Matisse), Gena Rowlands (Ramona Calvert), Mae Whitman (Bernice Pruitt), Michael Paré (Bill Pruitt), Cameron Finley (Travis), Kathy Najimy (Toni Post), Bill Cobbs (infermiere), Mona Lee Fultz . (insegnante)

Soggetto

Nel corso di una trasmissione televisiva, Birdee apprende che suo marito Bill, fidanzato dai tempi della scuola e padre della loro piccola Berenice, la tradisce con la migliore amica di lei, che proprio per farle sapere questo l'aveva invitata a partecipare. Addolorata e offesa, Birdee accusa il colpo e capisce di non avere altra possibilità se non quella di tornare insieme alla figlia nella casa di famiglia a Smithville, nel Texas. Qui ritrova la madre Ramona, donna energica e volitiva che si occupa anche del figlio della sorella, andata a Los Angeles perentrare nel mondo del cinema. Il rapporto con la madre é subito difficile. Birdee non riesce a reagire, Berenice avverte molto l'assenza del padre. In casa c'è spesso Justine, un ragazzo da tempo innamorato di Birdee. I tentativi di Ramona per far stare insieme i due falliscono regolarmente: lei non vuole intrusioni. Un giorno, dopo ave bevuto e litigato, Birdee capissce di aver toccato il fondo e avverte la voglia di fare qualcosa di concreto. Alla ricerca di un lavoro, si ricorda della passione per la fotografia e riesce a farsi assumere in un laboratorio. Intanto accetta gli inviti di Justine, esce con lui e sente di poterci stare insieme. A poco a poco gli equilibri, anche nei confronti della madre, sembrano ricomporsi. Ma ora é la piccola Berenice che si fa sentire: aspetta il ritorno del padre, e non gradisce la presenza di un altro uomo. Poi, all'improvviso, Ramona muore d'infarto. Al funerale si presenta Bill e chiede il divorzio. Alla volontà della figlia di andare con lui oppone un netto rifiuto. Ma ora Birdee non si fa più sorprendere: accetta la situazione, riesce a consolare Berenice e a capire la necessità di costruirsi un nuovo rapporto.

Valutazione Pastorale

Siamo di fronte ad una commediola smielata e sdolcinata, che mette insieme una serie di stereotipi visti in tantissimo altro cinema americano. Certo nell'ottica della mentalità d'oltreoceano tutto appare verosimile e motivato: a cominciare da quei 'talk-show' televisivi costruiti per sbattere il più possibile davanti a tutti i fatti privati e personali. Se ne deduce che il racconto, complessivamente, fotografa situazioni non del tutto inventate anzi magari frequenti e quindi da non respingere. Resta tuttavia l'obiezione iniziale: c'è poca vivacità, poca convinzione, l'andamento é monotono, il tono generale piatto. Dal punto di vista pastorale, espressa qualche riserva per momenti meno sorvegliati, il film é tuttavia da valutare come accettabile, se appunto lo si considera in una cornice, non ben riuscita, ma sostanzialmente realistica. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. Meno utile per altre circostanze, e da trascurare in caso di passaggi televisivi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV