RITORNO AL FUTURO PARTE II

Valutazione
Accettabile, Brillante
Tematica
Film per ragazzi
Genere
Fantastico
Regia
Robert Zemeckis
Durata
108'
Anno di uscita
1989
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
BACK TO THE FUTURE PART II
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Bob Gale Robert Zemeckis, Bob Gale
Musiche
Alan Silvestri
Montaggio
Arthur Schmidt, Harry Keramidas

Sogg.: Robert Zemeckis, Bob Gale - Scenegg.: Bob Gale - Fotogr.: (normale/a colori) Dean Cundey - Mus.: Alan Silvestri - Montagg.: Arthur Schmidt, Harry Keramidas - Dur.: 108' - Produz.: Bob Gale, Neil Canton

Interpreti e ruoli

Michael J.Fox (Marty Mc Fly), Christopher Lloyd (Doc Emmet Brown), Lea Thompson (Lorraine), Thomas F. Wilson (Biff Tannen), James Tolkan, Jeffrey Weissman, Casey Siemaszko, Bill Zane

Soggetto

nel 1985 a Hill Valley, il dottor "Doc" Emmett Brown, uno spiritato inventore, comunica al giovane Marty Mc Fly che per il suo bene e quello dei suoi futuri figli è opportuno che intraprenda un viaggio nel 2015 con uno straordinario "veicolo del tempo", un'automobile prestigiosa alimentata da plutonio, al fine di "correggere" gli avvenimenti che stanno per verificarsi. Durante questo viaggio Marty si accorge di strani mutamenti: la tranquilla cittadina di Hill Valley è dominata dal perfido Biff Tannen, un teppista che nel 1955 corteggiava sua madre Lorraine, diventato ricco perché in possesso di un "almanacco" sportivo che riportando tutte le classifiche sportive del futuro gli ha consentito di vincere nei pronostici molto denaro; il laboratorio-officina di Doc è stato distrutto e l'inventore, dichiarato legalmente insano di mente, si trova rinchiuso in una casa di cura. Nel tentativo di riportare tutto alla normalità, Marty affronta rocambolesche avventure anche a ritroso nel tempo fino al momento in cui nell'alternarsi degli eventi e nel rapido trascorrere dei decenni scoppierà un uragano che consentirà a Marty di ritornare nuovamente nel suo "attuale" 1985.

Valutazione Pastorale

nel film, divertente per un certo frenetico andirivieni dei passaggi temporali ed interessante per i numerosi riusciti trucchi cinematografici, il filo logico tra futuro e passato ben presto scompare a causa di un libero accumulo di blocchi narrativi in diversi momenti assai complicati e farraginosi. Tutto si risolve in un carosello incessante di avi, figli e nipoti, per lo più rissosi ed esagitati, complicato dal fatto che spessissimo il protagonista si trova obbligato ad interpretare molti ruoli. Fosse già poco, c'è poi quel dannato almanacco, fonte di vincite pigliatutto, Che per passare di mano in mano impegna alcuni personaggi per buona parte del film.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film