RITORNO AL MARIGOLD HOTEL

Valutazione
Consigliabile, poetico *
Tematica
Anziani, Rapporto tra culture
Genere
Commedia
Regia
John Madden
Durata
122'
Anno di uscita
2015
Nazionalità
Gran Bretagna, Stati Uniti
Titolo Originale
The Second Best Exotic Marigold Hotel
Distribuzione
Twentieth Century Fox Italia
Musiche
Thomas Newman
Montaggio
Victoria Boydell

Orig.: Stati Uniti/Gran Bretagna (2015) - Sogg. e scenegg.: Ol Parker - Fotogr.(Scope/a colori): Ben Smithard - Mus.: Thomas Newman - Montagg.: Victoria Boydell - Dur.: 122' - Produz.: Blueprint Pictures, Participant Media.

Interpreti e ruoli

Judi Dench (Evelyn Greenslade), Maggie Smith (Muriel Donnelly), Bill Nighy (Douglas Ainslie), Dev Patel (Sonny Kapoor), Celia Imre (Madge Hardcastle), Penelope Wilton (Jean Ainslie), Ronald Pickup (Norman Cousins), David Strathairn (Ty Burley), Richard Gere (Guy), Tamsin Greig (Lavinia)

Soggetto

Ora che il Marigold Hotel è pieno di clienti che si trattengono per periodi prolungati, i direttori Muriel e Sonny sognano di ingrandirsi e hanno trovato il posto ideale: il secondo Marigold Hotel. Evelyn e Douglas si avventurano a Jaipur con un piano di lavorazione in mente. Nel frattempo l'americano Guy Chambers, da poco arrivato, trova nella madre di Sonny, mrs. Kapoor, una musa per il suo prossimo romanzo. Soony però sa che il suo matrimonio con Sunaina è ormai alle porte e non vuole perdere ancora tempo.

Valutazione Pastorale

Bel successo nel 2012, "Marigold Hotel" arriva ad un meritato, inevitabile seguito. Anche perché, nel frattempo, il peso dell'economia indiana è aumentato, gli scambi commerciali richiedono maggiore frequenza, e i rapporti con Bollywood vanno rinsaldati. Forse anche per queste premesse un po' obbligate, il numero 2 non mantiene le premesse, naviga a vista su personaggi ormai prevedibili e perde in ritmo quello che acquista con la bravura degli attori. Anche sullo scontro Gran Bretagna/India (ex duello tra colonizzatori e colonizzati) non si dice molto di nuovo, e per questo arriva all'improvviso Richard Gere, uno yankee attempato e fascinoso, che va sempre bene. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e poetico per gli afflati litici seminati qua e là a mitigare certi affanni senili.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come prodotto semplice, lineare, facile da seguire.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film